A- A+
Milano
Milano, il Comune annuncia i primi tagli alle corse della metropolitana

Milano, il Comune annuncia i primi tagli alle corse della metropolitana

(IMPRESE-LAVORO.COM) Milano - Il Comune annuncia i primi tagli al metrò – lo scrive il Corriere Della Sera - che dovrebbero partire nei prossimi mesi, a partire dalla primavera, con l’obiettivo che abbiano il minor impatto possibile sui passeggeri. A queste riduzioni si potrebbe affiancare anche un’ulteriore intervento del servizio in superficie, che arriverebbe alla soppressione di qualche linea. Il passaggio è stato annunciato dall’assessora alla Mobilità, Arianna Censi, in una serie di incontri ristretti che si sono tenuti nei giorni scorsi con presidenti e rappresentanti di alcuni municipi della città, a partire da quelli interessati dall’apertura del primo tratto (e di quello futuro) della M4. Sul tema non esistono però ancora comunicazioni pubbliche ufficiali.

I conti del Comune e l'aumento del costo dell'energia

Alla base ci sono esigenze di bilancio, legate in particolare all’aumento del costo dell’energia. L’elettricità per far viaggiare i mezzi pubblici nel 2023 costerà il triplo rispetto al 2022, con un esborso per l’Atm che, da circa 50 milioni, dovrebbe salire secondo le ultime previsioni a 150-160 milioni. Ecco perché dopo una prima, contenuta riduzione delle corse di bus e tram che scatterà dal prossimo 30 gennaio (il 3 per cento del servizio), si potrebbe arrivare al passo successivo nella road map già tracciata per il contenimento dei costi, con una «razionalizzazione» anche dei passaggi della metropolitana. Lo scenario annunciato nei giorni scorsi nasce dalla confluenza di due elementi. Da una parte, appunto, l’aumento monstre dei costi dell’energia. Dall’altra, una valutazione sulla domanda di trasporto.

Sardone (Lega): "Pure in metro si viaggierà a singhiozzo"

Silvia Sardone, europarlamentare e commissario cittadino milanese della Lega, commenta: “Ancora una volta affidandosi alla stampa l’assessore Censi annuncia altri tagli al trasporto pubblico, spiegando che questa primavere ci potrebbero essere meno treni della metropolitana a disposizione dei cittadini. Dopo il pacco di Natale sotto l’albero dei milanesi, che vedranno da fine mese la riduzione delle corse dei mezzi di superficie, ecco l’uovo di Pasqua firmato Palazzo Marino: pure in metro si viaggerà a singhiozzo. Tutto ciò è ovviamente inaccettabile, soprattutto visti i recentissimi rincari sui biglietti: la sinistra tassa con una mano e taglia servizi con l’altro. E questi sono gli stessi che hanno il coraggio di criticare Regione Lombardia, ovvero la regione che più di tutte in Italia contribuisce al sostentamento del trasporto pubblico locale? Il Comune di Milano si prenda le proprie responsabilità delle proprie azioni almeno per una volta”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
energiametropolitanamilano






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.