A- A+
Milano
Milano, sgombero al centro sociale anarchico Galipettes

Milano, sgombero al centro sociale anarchico Galipettes

Sgomberato il centro sociale anarchico Galipettes in viale dei Mille a Milano. Era stato occupato negli scorsi giorni. Sei persone all'interno sono state denunciate e allontanate, mentre due si sono barricate sul tetto. Una ventina gli antagonisti che hanno seguito lo sgombero della palazzina che si trova nella zona dove, negli ultimi giorni, sui muri del quartiere sono apparse diverse scritte di protesta da 'Facciamo come Napoli' a 'Sfonda la citta' vetrina' a 'Fontana assassino'. "La questura - e' il messaggio sulla pagina Fb del centro sociale - ha deciso di sgomberare una nuova occupazione, come gia' avvenuto qualche settimana fa in via Verro, quando un gruppo di persone ha riaperto un asilo abbandonato per vivere insieme in questo difficile periodo, per farne un luogo di incontro e di autogestione. La tendenza a Milano, provincia e non solo sembra ormai chiara: luoghi simili non devono esistere, nessuna occupazione puo' durare piu' di qualche giorno. Come prima, ma ora ancora con piu' forza, serve percio' lottare contro uno spazio urbano congegnato solamente in funzione del lavoro".

Commenta  Silvia Sardone, europarlamentare e consigliere comunale della Lega: "Certe scene, con gli antagonisti barricati sui tetti, si vedono solo a Milano. Dopo la resistenza del centro sociale Brankaleone in Bovisa, ora tocca ai "fenomeni" del Galipettes che nel fine settimana hanno occupato un edificio in viale dei Mille. Il Comune di Milano dovrebbe interrogarsi su queste condotte: opporsi agli sgomberi costringendo le forze dell'ordine a passare intere giornate davanti agli immobili requisiti e' un disegno delinquenziale, soprattutto in un periodo di difficolta' come questo dove la Polizia ha sicuramente di meglio da fare. Ma ai centri sociali nella nostra citta' e' concesso di tutto, questo ormai e' sempre piu' chiaro. Mi auguro che lo sgombero di viale dei Mille si concluda nel piu' breve tempo possibile: sprecare soldi e tempo per quattro figli di papa', in piena emergenza, non ha proprio senso".

E l'eurodeputato Carlo Fidanza, Fdi: "“In un momento drammatico per Milano, e per tutta l'Italia, un gruppo di antagonisti impegna agenti delle forze dell'ordine per sgomberare l'edificio occupato abusivamente venerdì scorso in viale dei Mille dal centro sociale Galipettes. E' assurdo che in città si ripetano ancora questi episodi, con il silenzio complice della giunta di centrosinistra. La polizia in questo momento avrebbe cose molto più importanti delle quali preoccuparsi, invece è costretta a liberare l'ennesimo spazio occupato, proprio come successo qualche settimana fa con l'ex asilo di via Verro. Adesso ci aspettiamo che i responsabili siano puniti. I milanesi non possono più tollerare l'impunità della quale godono i professionisti delle occupazioni a causa di questa amministrazione”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    milanocentro sociale anarchico galipettes










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Kampos è partner ufficiale di Consorzio Costa Smeralda. “Lusso e Integrità"
    Partite IVA insieme per il rinvio della rottamazione
    Robbie Williams in esclusiva mondiale su RTL102.5, ecco come seguirlo
    Francesco Fredella


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.