A- A+
Milano
Pd, Majorino: "Elly è determinata. Scissione riformista? Serve fare squadra"
Pierfrancesco Majorino e Elly Schlein

Pd, Majorino: "Elly è determinata. Scissione riformista? Serve fare squadra"

"Elly Schlein è una donna di grande determinazione. Chi pensa che ci confinerà in una deriva estremista non ha capito niente di lei e della sua storia". Pierfrancesco Majorino, europarlamentare del Pd, era tra quelli che auspicavano una vittoria di Schlein alle primarie. In un'intervista ad Affaritaliani.it Milano assicura che con lei il partito "parlerà un linguaggio di una cultura combattiva ma anche di governo". E scommette sul fatto che nel Pd non ci sarà la scissione dell'ala più riformista: "Nessuno sarà tanto stupido o pazzo da andare via. Penso che invece ci sarà lavoro di squadra e un bel confronto tra impostazioni diverse".

Majorino, si aspettava la vittoria della Schlein? 

Ovviamente ci speravo perché da mesi credevo che Elly rappresentasse un'opportunità, un'occasione vera per cambiare nel profondo il Pd e per essere innovativi e coraggiosi. È chiaro che non mi aspettavo un risultato di queste proporzioni nelle Regioni del Nord. 

Qualcuno dice che è troppo "di sinistra", la stessa cosa che affermavano di lei come candidato in Lombardia. 

Una rappresentazione macchiettistica. Non c'è nessuna contrapposizione tra la radicalità sui principi e la cultura della concretezza. Sono molto ottimista per Elly. Dal Terzo Polo, invece, ci riprovano...

Si spieghi meglio. 

Ricorderei loro che non gli ha portato granché bene a Milano dove l'unico risultato che hanno ottenuto è stato conseguire un esito disastroso così come in altre città lombarde. Mi auguro che il Terzo Polo discuta profondamente non di noi ma di sé e di dove vuole andare. Se insegue scelte come quella fatta con Letizia Moratti si relega alla totale irrilevanza. Invece può giocare la sua partita stando da un lato in competizione nei nostri confronti, dall'altro, però, decidendo di essere parte di un disegno alternativo alla destra. 

A Milano città Schlein ha vinto sia nei circoli sia nel voto popolare. Non poteva che partire da qui il cambiamento? 

Credo che a Milano ci sia una sinistra coraggiosa che tiene insieme radicalità sui principi e anche molta concretezza. E penso che questo si sia colto. Se guardiamo ai 10 punti di differenza rispetto ad Attilio Fontana ottenuti a Milano, e al 72% conseguito in città da Schlein, evidentemente abbiamo la foto di un Pd molto dinamico che non crea contrapposizione tra radicalità e governo e che ritiene che le due cose debbano stare insieme. Io mi ci ritrovo molto. 

Avere una segretaria come Schlein durante la campagna elettorale avrebbe aiutato?

Un po' ci avrebbe aiutato... ma è facile dirlo adesso. Questa non deve essere una scusa e una scorciatoia per non analizzare il risultato ottenuto in alcuni territori. E poi devo dire anche un'altra cosa. 

Cosa? 

È stata una bellissima festa democratica. Il numero più significativo è probabilmente quello dell'affluenza che ci dà molta energia e fiducia. E ho ritenuto molto belle le parole di Stefano Bonaccini che in questi mesi è stato esemplare nella correttezza nel confronto e per come ha commentato ieri l'esito della competizione. Il suo invito a mettersi ora a lavorare con Elly è lo spirito che noi tutti dovremo avere. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
majorino







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.