A- A+
Milano
Regione Lombardia, è giallo sugli eletti: non c'è certezza. E c'è chi trema
Regione Lombardia

di Fabio Massa

Quelli con la memoria più lunga si ricordano del 2013, quando per la proclamazione ci volle un mese. Di certo è che ancora la Prefettura non ha messo la parola fine alle elezioni regionali del 4 marzo. Preferenze, voti, verbali che mancano. Secondo rumors di Affaritaliani.it Milano mancherebbero ancora i verbali di 26 sezioni di Milano. Considerato che la media è di 700 voti a sezione, la rilevanza è presto appurata. Anche perché il gioco dei "resti" sta facendo impazzire tutta la politica lombarda. La legge elettorale è assai complicata, e questa volta a inceppare la "macchina" è Giorgio Gori. Il candidato presidente del centrosinistra dove è "scattato"? Ovvero, dove sta prendendo il seggio? Dalla sua Bergamo? Da Brescia? Perché proprio in base a dove scatta Gori, si riducono o si aumentano le "capienze" degli altri capoluoghi. La "pietra dello scandalo" sarebbe Brescia, dove oltre a un eletto, ne passerebbero due con i resti. Questo azzonamento punisce Milano, che ne porta quattro, invece di cinque. Sempre i resti mettono in dubbio un seggio di Fratelli d'Italia, e pure Energie per l'Italia con Manfredi Palmeri è sub iudice rispetto alla proclamazione. Ad ogni modo il consiglio regionale è convocato per la fine della prossima settimana, e dunque qualcosa dovrà muoversi in questi giorni. Idem per la giunta. Attilio Fontana è reduce da una piccola operazione, ma conta di chiudere tutto entro venerdì. La prima vicenda sulla quale non è affatto scritta l'ultima parola è quella relativa al numero totale. E' molto probabile che saranno 16 i componenti della giunta, ma c'è chi spinge per 14 posti. Poi, in casa Forza Italia, c'è il tema di Monza e Brianza. Dato per acquisito Fabrizio Sala vicepresidente e assessore alle Attività Produttive, la scelta di portare nella squadra di governo Elena Centemero potrebbe vedere per l'ex parlamentare l'assegnazione delle deleghe all'Istruzione, e dunque uno "slittamento" verso nuovi incarichi sempre di giunta per Silvia Sardone, che peraltro di Lavoro si intende, essendo giuslavorista. Se dovesse passare sia la Centemero che Sala, la Brianza avrebbe due assessori azzurri, proprio come Milano.

Poi c'è la questione delle donne. Rumors raccontano di una Laura Molteni, avversaria di Lia Quartapelle in dei due collegi vinti dal centrosinistra a Milano, consigliera comunale leghista, assai contrariata perché - nella penuria globale di donne del Carroccio - non è ancora emerso il suo nome. Dietro le quinte pare che anche questa vicenda sia in via di valutazione. Di certo il punto della rappresentanza femminile esiste, e nel caso di Viviana Beccalossi è un punto a favore: malgrado i rapporti non idilliaci con la Meloni, Attilio Fontana potrebbe propendere per lei anche per risolvere un problema di genere, oltre che per la competenza dimostrata negli ultimi cinque anni.

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
regione lombardiaelezioni regione lombardiaassessori regione lombardiagiunta regione lombardia
Loading...








A2A
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Draghi, la crisi, l'Europa:ecco la ricetta della Meloni
PROGETTI INNOVATIVI PER MASCHERINE, SALUTE, AMBIENTE, MEDIA E TOPONOMASTICA
Boschiero Cinzia
Sanificazione. I webinar di Prius Management e Federalberghi Emilia Romagna


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.