A- A+
Milano
Sala: "Nessun buco in bilancio, ma difficoltà. Invito Meloni a Milano"
Beppe Sala

Sala: "Nessun buco in bilancio, ma difficoltà. Invito Meloni a Milano"

“C’è una difficoltà” nei conti del Comune “perché i costi aumentano ma non parlate di 'buco' dal momento che abbiamo approvato gli equilibri di bilancio”. Così il sindaco Giuseppe Sala, a margine del brindisi di auguri con la stampa a Palazzo Marino. “I 92 milioni di 'buco' che sono apparsi oggi sui giornali non so da dove siano usciti, ma non corrispondono a realtà. Il nostro tema si sviluppa attorno a 50 milioni. Una questione che noi identifichiamo con limitazioni e correzioni dei servizi: lavoreremo molto sulla stagionalità di musei e impianti sportivi con questi costi energetici, magari graduando gli orari di apertura. Stiamo pensano a queste soluzioni. Il mandato che hanno gli assessori è di trovare efficienze per 50 mln”.

Sala: "Milano, costi per l'energia aumentati, graduare i servizi"

“Gli assessori hanno gli stessi soldi del preventivo dell’anno scorso – ha spiegato il sindaco - , anzi un po’ di più, ma i costi che i loro servizi subiscono sono aumentati soprattutto per l’energia, quindi la soluzione è graduare i servizi, che non è mai una cosa bella e positiva e che dobbiamo limitare al massimo”. “Tutti i servizi, siano metropolitana, biblioteca o piscina hanno dei picchi di utilizzo e altri spazi in cui sono quasi vuoti, quindi bisogna ragionare, ma non in maniera demagogica – ha sottolineato poi Sala - . Se poi risparmi poco, non vale la pena. È un lavoro tecnico molto difficile da attuare, ma a mali estremi, estreme conseguenze e ci stiamo lavorando”.

Sala: "Cercheremo di evitare che a pagare siano le fasce più deboli"

“Cercheremo di evitare che in questa situazione difficile paghino - e non è semplice - le fasce più deboli della popolazione. Quindi ogni singola azione la penseremo intensificando la logica dell’Isee e la gradueremo tenendo conto dei redditi di ogni singolo cittadino. In questo momento chi ha di più, deve mettere mano al portafoglio. Io credo moltissimo nella progressività e cercheremo di applicarla al massimo”. Così Sala in merito agli equilibri di bilancio del Comune. Che si possano evitare i rincari sui servizi della città “èquello che spero”, ha detto ancora Sala.

Bilancio, Sala: "Il governo deve metterci una pezza"

“Con i nostri cittadini dobbiamo essere chiari: aumenta tutto e anche nel mondo del pubblico ci sono aumenti di costi. Durante il covid però il governo è intervenuto mettendo una pezza. La pezza dev’essere messa anche in questo momento – ha sottolineato il sindaco - . Per questo mi permetto di fare questo richiamo al governo. Ma il riferimento non è diretto a questo governo, che è in campo da troppo poco tempo, quindi non gli si può imputare tutto. Passata la manovra continuerò a discutere con il governo, perché noi abbiamo bisogno di aiuto”.

Sala ha spiegato che le difficoltà di bilancio non sono “un problema che riguarda solo Milano, ma Milano più di altre città, perché non siamo una città da 1,4 milioni di abitanti, di giorno ci sono oltre 2 mln di persone, che godono dei servizi erogati dalla città”. “Non è un dramma dire che abbiamo bisogno e in questo momento lo abbiamo, però possiamo portare anche un grande contributo perché la città è in continua crescita - ha concluso - . Milano dà molto al sistema Paese e quando denuncia difficoltà non lo fa per capriccio. Noi abbiamo bisogno di un sostegno. Il bilancio lo chiuderemo comunque ma vogliamo evitare sacrifici ai nostri cittadini in difficoltà”.

Sala: "Se deve esserci un vincolo su San Siro, lo dicano subito"

“Se il vincolo sullo stadio di San Siro deve esserci meglio che lo facciano subito. A quel punto, se la vedrebbero le squadre col governo. Sullo stadio cosa ne pensa Meloni non lo so e non ci ho mai parlato. Voglio lasciare la palla nel loro campo con un’unica preghiera: di essere veloci. Se deve esserci il vincolo che ci sia e nei tempi giusti”. Così Sala in merito a un eventuale vincolo che impedirebbe l’abbattimento dello stadio Meazza. “Non ho parlato con il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano”, ha precisato Sala. “Dal mio punto di vista l’obiettivo è fare rispettare le regole. Il dibattito pubblico ha dato alcune indicazioni”, ha aggiunto. Per quanto riguarda l’interesse pubblico sul progetto presentato dalle squadre “credo che possa essere confermato. Sarebbe diverso se, come appare dai media, ci fosse un vincolo. Se ci fosse o le squadre stanno a San Siro oppure vanno a Sesto ma a quel punto non sarei più in grado di impormi. Se il vincolo ci deve essere è bene che sia chiarito adesso”, ha quindi ribadito.

Sala: "Inviterò Meloni a Milano"

“Inviterò la premier Giorgia Meloni a Milano. Non mi sarei mai permesso durante questi periodi convulsi per l’approvazione del bilancio di fare questo invito, ma lo farò senz’altro. Sarebbe importantissimo che venisse sia perché si renda consapevole dei nostri problemi e di come darci una mano, ma anche del valore che questa città ha. Lo sa, ma sarebbe utilissima una sua visita”. Così Sala.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bilanciomelonimilanosala







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.