A- A+
Milano
San Siro, perché non si chiede ai milanesi? La partecipazione non esiste più
Lo stadio di San Siro

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C'era una volta la condivisione popolare. E' una cosa strana, quella che sta succedendo sullo stadio. Una volta, e parlo non di mille anni fa, ma del primo Pisapia per intenderci, ci si riempiva la bocca con la parola "partecipazione". Democrazia è esserci, decidere. Poi, evidentemente, ci si deve essere un po' stufati. Ma con lo Stadio di San Siro stiamo arrivando all'assurdo. Ricapitoliamo per chi non è tifosissimo di Milan o Inter. Le due società, che di milanese mantengono solo il nome, hanno deciso che vogliono avere uno stadio nuovo. La struttura - dicono - è vecchia, obsoleta e costosa da manutenere e impossibile, a livello di investimento, da ristrutturare. Quindi, stadio nuovo. Peccato che il Meazza, e tutta l'area, siano del Comune. Il quale, anche qui non sfugge a nessuno, deve dire la sua. Dopo mesi in cui le società non si sono fatte sentire, il sindaco è dovuto quasi arrivare a minacciare perché si facessero passi avanti. Poi i progetti, tanto segreti che neanche i consiglieri li avevano visti. Poi i continui avanti e indietro. Occorre uno scatto d'orgoglio da parte del Comune. E' vero che il Meazza senza Milan e Inter è un pezzettone grosso grosso di cemento inutile. Ed è vero che Milan e Inter possono ricattare Beppe Sala, ad esempio, minacciando di andarsene a Sesto San Giovanni. Ma è anche vero che Milan e Inter li vanno a guardare i milanesi. E i milanesi probabilmente vorrebbero decidere. Perché nessuno chiede il loro parere? Ci siamo già scordati che è il popolo che elegge i sindaci e riempie gli stadi?

fabio.massa@affaritaliani.it 

 

Commenti
    Tags:
    san siro







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    IniziAMO la scuola. PuliAMO il mare
    Dem su ius soli e Zan. Ma Prodi ora corregge Letta


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.