A- A+
Milano
Sicurezza, Romano La Russa: "Ascoltare allarme di Confcommercio"

Sicurezza, Romano La Russa: "Ascoltare allarme di Confcommercio"

‘Il grido d’allarme dei commercianti delle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza che denunciano un aumento dei reati predatori, in particolare furti, scippi e borseggi, desta grande preoccupazione e va ascoltato. I dati che emergono dall’indagine di Confcommercio mostrano una situazione peggiore per la città di Milano dove i furti negli esercizi commerciali sono segnalati dal 36% degli esercenti intervistati, contro il 30% del totale su tutte le province coinvolte’.

Lo dichiara l’assessore lombardo alla Sicurezza Romano La Russa, commentando l’indagine realizzata da Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza intervistando 484 imprese su criminalità e sicurezza legati al territorio e presentata alla giornata nazionale “Legalità ci piace!”.‘

Per quanto riguarda il Comune di Milano, perché non funziona l’Unità Reati Predatori della polizia locale, richiesta dalla maggior parte dei commercianti’, aggiunge La Russa.‘ Sul tema dell’usura, fenomeno odioso che mette a rischio circa 31 mila piccole aziende, secondo le analisi di Confcommercio, il mio assessorato sta lavorando da tempo per creare una rete che coinvolga le istituzioni, gli imprenditori e le istituzioni per intervenire in modo tempestivo a difesa delle potenziali vittime. Regione Lombardia, inoltre, continua costantemente con la diffusione di campagne di comunicazione non soltanto sul rischio usura ma anche sulle misure e sui soggetti che possono fornire sostegno ai cittadini in situazione di grave indebitamento’, conclude.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sicurezza







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.