A- A+
Milano
Sorpresa! Mantovani non è morto. Riunisce 300 persone e rilancia
Mario Mantovani

di Fabio Massa

Altro che fine di un impero. Che Faraone deposto. Uno dei motti preferiti di Mario Mantovani ai tempi in cui era in auge, era che “anche se mi sparano non sanguino”. Un po’, invece, con questa inchiesta che l’ha fatto finire ai margini della vita politica regionale, senza deleghe assessorili (l’assessorato alla Sanità gli è stato levato da Maroni che l’ha tenuto per un bel pezzo e poi l’ha dato a Giulio Gallera), ha sanguinato. Eccome. Tanto che lo davano già per morto, politicamente parlando. E invece no. Proprio no. Il momento della verità era la classica festa che Mantovani ha sempre organizzato prima dell’inizio della pausa estiva, che quest’anno si pensava sarebbe stata annullata. Anzi, neppure organizzata. E invece sì, non solo c’è stata, domenica sera, nella splendida cornice di Villa Clerici, ma ha anche avuto successo. Per la sorpresa degli addetti ai lavori, oltre trecento (c’è chi parla addirittura di quattrocento) persone si sono radunate per salutare Mantovani, per ritrovarsi e festeggiare. Consiglieri comunali, regionali. E poi sindaci. Con una speciale attenzione a Fabio Merlotti, di Buscate e Christian Garavaglia di Turbigo, neoeletti. Perché in effetti il ritrovo di Cuggiono è sempre servito a questo: a festeggiare i neo eletti e a dare linfa alla corrente mantovaniana. Certo, non c’erano i big: non c’era Gelmini, Romani o altri. Mantovani ha fatto una sorta di piccolo comizio, insistendo su pochi concetti ben chiari. E a chi ci ha parlato lo ha detto chiaro e tondo di voler andare avanti a fare politica. Prima eleggendo i propri esponenti in giro per l’hinterland milanese. Poi, nel 2018 (sempre che non cada prima) magari ricandidandosi proprio lui in Regione. Una scelta che però potrebbe non fare piacere anche ad alcuni dei suoi fedelissimi, come l’attuale capogruppo Claudio Pedrazzini, che dal collegio di Lodi dovrebbe trasferirsi su quello di Milano, e che pare si sia molto innervosito per la nomina di Gallera alla Sanità poiché proprio con quella delega avrebbe potuto avere molte più chances. L’altro big che potrebbe non esser contentissimo è il sindaco di Paderno Dugnano Marco Alparone. Giovane prodigio della corrente mantovaniana, avrebbe voluto già essere “valorizzato” la volta scorsa ma aveva dovuto cedere il passo al “capo”. Chissà come la prenderà se gli sarà detto che ancora una volta, per la Regione, non ci sarà verso.

@FabioAMassa
fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mantovanilombardia mantovanirilancia mantovani






A2A
A2A
i blog di affari
Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.