A- A+
Milano
Stalking al Mudec: custode accusato anche di... "rumori corporali"
Toga al palazzo di giustizia

Stalking al Mudec: custode accusato anche di... "rumori corporali"

 

Una vicenda surreale ma sulla quale la Procura di Milano sta lavorando con serietà, essendo giunta ad un rinvio a giudizio. Destinatario del provvedimento una guardia museale del Mudec, il Museo delle culture, accusato da due sue colleghe di molestie con frasi a sfondo sessuale "condite" da "rumori tratti dal proprio corpo". Peti, nella fattispecie. Le due vittime, come racconta il quotidiano Il Giorno, hanno tra i 50 ed i 60 anni e denunciano uno stalking fatto di ammiccamenti, volgarità, frasi oscene. Con un elemento in più: lo stress emotivo causato dai "rumori corporali" che l'uomo utilizzerebbe come ulteriore elemento di disturbo in modo da cagionare nelle due donne "un perdurante e grave stato d’ansia e di paura", condizione psicologica necessaria perché possa essere contestata la condotta dello stalking. L'accusa di “atti persecutori” potrebbe costare all'uomo pene da sei mesi a quattro anni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
stalking mudecrumori corporali mudec






A2A
A2A
i blog di affari
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
Certificazione verde e MOG231
di Guido Sola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.