A- A+
Milano

Lunedì e martedì di "lavori speciali" per 110 tecnici altamente specializzati, impegnati a stabilire all’interno del cantiere ubicato nei confini di Vizzolo Predabissi, quello che, a ragione, va considerato il nuovo record di sollevamento pesi per quanto concerne la realizzazione delle opere connesse al tracciato autostradale di Teem-A58.

DSC04907Teem: "lavori show" al cantiere di VizzoloGuarda la gallery

Utilizzando gru telescopiche di eccezionale portata, la squadra selezionata per quest’intervento-show da Lambro Scarl, il consorzio controllato da Itinera (Gruppo Gavio) cui è affidata, relativamente al Lotto C (Sud Milano e Lodigiano), la costruzione dell’infrastruttura-sistema costituita da Teem-A58 e da 38 chilometri di arterie ordinarie, provvederà, infatti, a issare 1.400 tonnellate di acciaio Corten a quota 36 metri.

Proprio l’altezza del viadotto (700 metri di lunghezza per 5mila tonnellate di peso) progettato dall’ingegner Pierangelo Pistoletti con l’obiettivo di collegare, bypassando il congestionato nodo di Melegnano e scavalcando il Fiume Lambro e la ferrovia, la Statale 9 «Via Emilia» e la Provinciale 17 «Sant’Angiolina». Ossia, due delle tantissime strade non sottoposte a pedaggio che risultano attualmente oggetto di riqualificazione nell’ambito del completamento, finanziato prevalentemente con capitali privati, di tutte le opere viarie e ambientali integrate a Teem-A58.

Entrata nel vivo il 7 giugno con il sollevamento sino a 36 metri della campata di sostegno (225 tonnellate), la realizzazione del viadotto subisce quindi, un’ulteriore accelerazione. Denominato dai tecnici IVN01, il collegamento tra «Via Emilia» e «Sant’Angiolina» deve essere ritenuto il «gemello» del Viadotto Lambro, l’opera ingegneristicamente più complessa tra quelle trasposte dalla carta millimetrata alla realtà lungo il tracciato autostradale di Teem-A58, dal momento che, attraverso diversi ponti del peso complessivo di 32mila tonnellate (un decimo del tonnellaggio necessario per costruire il Ponte sullo Stretto), scavalca, a un’altezza superiore ai 30 metri, l’Autostrada del Sole, il fiume Lambro e le linee ferroviarie ad alta velocità e tradizionale. Ad assimilare IVN01 e Viadotto Lambro sono, d’altra parte, non solo la stessa «firma» (Pistoletti) e il ricorso al sistema della forcella ma anche il percorso parallelo sino allo scavalcamento dell’A1 e l’impiego dei medesimi materiali (acciaio Corten e calcestruzzo). L’intera nuova rete viaria ordinaria, nel rispetto dei tempi di realizzazione dettati a Tangenziale Esterna SpA da Concessioni Autostradali Lombarde e Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, sarà consegnata nella primavera del 2016 ai pendolari e agli autotrasportatori.

Tags:
teemtangenziale esterna estcantiere






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.