A- A+
Milano
Verri (Lega): "Sala pensi a Milano, non a fare il leader dell'opposizione"

Verri (Lega): "Sala pensi a Milano, non a fare il leader dell'opposizione"

"Il sindaco Sala sta cercando di ritagliarsi il suo spazio facendo il leader dell'opposizione. Ma quando attacca il governo dovrebbe prima guardarsi allo specchio". Alessandro Verri, capogruppo della Lega a Palazzo Marino, in un'intervista ad Affaritaliani.it Milano commenta le parole di Sala, che rivolgendosi alla premier Giorgia Meloni ha spiegato di aver bisogno del governo tanto quanto il governo necessita di una città che funzioni. "Quando ho letto le sue dichiarazioni mi è venuto da ridere, anzi da piangere". 

Verri, ci spieghi meglio. 

Sala chiede a Meloni di venire a Milano ma lui per primo non gira la città, in periferia non lo vedono da troppo tempo. Per funzionare una città c'è bisogno di stare attenti alle esigenze di tutti e di non aumentare i costi dei servizi. Invece il sindaco, credendosi un grande manager, sta chiedendo ai milanesi suoi 'azionisti' di pagare di più per avere di meno. Si è alzato il biglietto di Atm, costano di più le rette scolastiche e i servizi per le mense. Ma non sta aumentano la qualità del servizio. 

Il problema di fondo? 

È sempre più evidente che ci sia qualcosa che non va nella loro programmazione. I posti sono terminati e abbiamo 3700 bambini, esclusi dalle graduatorie, che rischiano di non andare all'asilo perché non ci sono risorse. Se mancano le educatrici perché non è stata fatta una programmazione adeguata negli anni per assumerne di più? Soldi come quelli usati per le piazze tattiche o i 13 milioni per l'Area B che non sta portando risultati, potevano essere destinati alle famiglie per valutare anche altri tipi di nidi.

Cosa sta diventando Milano? 

Una città 'fighetta' ed esclusiva. Sala chiede aiuto al governo per una Milano che funzioni, ma la città non funziona per colpa loro. Parlano spesso del trasporto pubblico, ma negli ultimi 12 anni - ossia da quando governa il centrosinistra - cosa hanno fatto nei confronti dei governi che erano quasi sempre del loro stesso colore politico? La metro blu ha 7 anni di ritardi e costi a dismisura, la M1 è bloccata e non va oltre Sesto e la M5 non è mai arrivata a Monza nonostante le risorse. 

Per non parlare degli affitti. 

Si è arrivati a un punto di non ritorno anche perché non hanno mai messo la testa su questo tema che incide anche per i commercianti. Si potrebbe incentivare l'apertura di nuove attività mettendo a disposizione stabili popolari come quelli di Mm e portando dei servizi in quartieri dove non ci sono. Si riempiono la bocca con la 'città a 15 minuti' che però non c'è e non esiste. Ci sono ancora molte aree che devono diventare appetibili. 

Sui temi ambientali, invece, la maggioranza sembra essere spesso divisa.

Visto che si sta dimostrando una giunta verde per finta, anche gli stessi Verdi fanno opposizione. È la solita sinistra ideologica e mai pragmatica. Questa amministrazione non studia e mette in campo solo provvedimenti spot per trovare spazio sui giornali. Ma la verità è che negli ultimi 7 anni, da quando Sala governa, non c'è un'opera che sia una che è stata finanziata e inaugurata da questa amministrazione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lega







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.