A- A+
Milano
Vince concorso all'Areu l'indagato Brait. Caos, e poi la rinuncia

Il 19 maggio era tornato in libertà nell'ambito dell'inchiesta per turbativa d'asta, l'allora direttore generale dell'Asst Pavia Michele Brait. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it Milano, avrebbe vinto in questi giorni un concorso per un altro posto dirigenziale nella sanità lombarda, provocando non poco sconcerto ai piani alti dell'assessorato al Welfare, che - a partire dalla vicepresidente Moratti - ha impostato una politica di rigore assoluto per quanto riguarda la trasparenza. Per la precisione, si tratta del ruolo di dirigente "da dedicare alla gestione del magazzino di Rho Fiera". Brait è stato il secondo classificato, ma come da Albo Pretorio, è il vincitore con decorrenza 16 agosto 2021. Secondo quanto può riferire Affari Milano, pare che Michele Brait abbia firmato una comunicazione con cui - per motivi personali - rinuncia a prendere servizio. 

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    braitareusanità






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Dentro la pandemia, le complessità del mercato del lavoro
    Green Pass, non è scienza se censura l'interlocutore
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.