Roma, 3 mag. (Adnkronos) - Ritorna il vero marchio di fabbrica di Popmove: la condivisione tramite app del veicolo, un servizio di sharing tra privati che consente di risparmiare sul canone mensile e ottimizzare l’uso dell’auto. La modalità sharing sarà inizialmente ristretta a una cerchia limitata di persone, in attesa che le condizioni generali consentano di tornare a sfruttare il potenziale della condivisione allargata.Per accedere alla flotta di Popmove basta semplicemente avere una carta di credito. Non c’è scoring, quindi non è necessario produrre documentazione reddituale, busta paga, garanzie, lunghe sottoponendosi a lunghe pratiche e processi di approvazione. Popmove sperimenta anche nuovi, rivoluzionari metodi di pagamento. Per la prima volta - oltre che con i tradizionali sistemi - sarà possibile acquistare l’abbonamento di mobilità tramite Bitcoin. Una scelta che rafforza l’identità di Popmove come realtà proiettata verso il futuro e decisa a creare il vero standard del prodotto digitale.“In un momento così complesso in cui i privati, così come le Partite Iva o le piccole e medie aziende, stanno cercando di ripartire, abbiamo deciso di metterci in gioco e proporre un servizio completamente nuovo rispetto a quelli oggi presenti sul mercato”, spiega Alberto Cassone, Ceo di Popmove. “Per farlo abbiamo ascoltato con attenzione i bisogni reali delle persone e delle aziende, offrendo loro risposte basate sulla semplicità di accesso e sull’abbattimento delle barriere -continua Cassone-. Investire su formule alternative, scommettere sulla transizione dal possesso all’uso dell’auto e sulla mobilità come servizio fa parte della nostra storia. Da sempre abbiamo l’ossessione di voler presentare il vero prodotto del futuro e di guidare il cambiamento piuttosto che subirlo. Popmove è una risposta all’altezza delle nostre ambizioni”.“Abbiamo sempre scommesso sull’innovazione, lanciando per primi l’e-commerce nel settore automotive così come abbiamo cercato di essere sempre all’avanguardia e di intercettare i trend della digitalizzazione -sottolinea Riccardo Pingiori, amministratore delegato di Hurry!-. La stessa scelta del bitcoin non è causale, siamo convinti che Popmove possa davvero segnare un punto di svolta, rappresentare un modello in grado di cambiare i parametri del noleggio e decretare la fine della vendita analogica a favore di quella digitale''. ''Oggi per far ripartire il mercato occorre fare qualcosa di più: occorre investire sulla trasparenza e la flessibilità e aiutare coloro che in questa fase non se la sentono di fare scelte troppo impegnative -conclude Pingiori-. Popmove unendo il pay per use e il ready to share esplora una frontiera del noleggio a lungo termine unica a livello mondiale”.

in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

i più visti
i blog di affari
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.