Roma, 5 dic. (Adnkronos) - "Un mese di dad per tutte le scuole per adottare le misure che consentano la riapertura in sicurezza. E misure speciali per consentire il funzionamento della scuola dell'infanzia e dei primi due anni di primaria". E' la richiesta della Confederazione generale dei sindacati autonomi dei lavoratori, Confsal, che nei giorni scorsi aveva chiesto al ministro Brunetta ed al premier Draghi il ripristino della modalità lavorativa in lavoro agile come modalità ordinaria per tutti i lavoratori per la durata dello stato di emergenza, ovvero fino al 31 marzo 2022. "La richiesta è il naturale e coerente proseguimento della nostra precedente domanda: smart working per tutti i lavoratori fino a fine marzo, come misura di contenimento della pandemia, che nella scuola si traduce in un posticipo della riapertura ed in una riattivazione della didattica a distanza dopo le vacanze", spiega all'Adnkronos il segretario generale Angelo Raffaele Margiotta. "Nel rinnovare l'appello a vaccinarsi è ormai necessario puntare su smart working come misura di contenimento; nonché strumenti di contrasto quali mascherine ffp2, tamponi per tutti e dispositivi di aerazione nelle classi e per gli ambienti chiusi. Sono misure prioritarie in questa fase di lotta alla pandemia rispetto al controverso obbligo vaccinale", conclude Margiotta.

in evidenza
BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

Scatti d'Affari

BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

in vetrina
Carolina Stramare, la nuova fiamma di Vlahovic. FOTO

Carolina Stramare, la nuova fiamma di Vlahovic. FOTO

motori
Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

i più visti
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.