A- A+
Politica
Azzollini: radio-telefonata con finto Papa fa piangere il senatore

S'inserisce anche lo scherzo de "La Zanzara" di Radio 24 nella vicenda del senatore Antonio Azzollini, Ncd e presidente della Commissione Bilancio, raggiunto dalla richiesta della Procura di Trani di arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta sul crac della casa di Cura Divina Provvidenza. Gli hanno passato la telefonata di un finto Papa Francesco. E lui si dice emozionato, nega di aver detto una frase volgare e greve a una suora, assicura di avere le carte per dimostrare che e' tutta una cosa costruita ad arte contro di lui, e inoltre piange. Assicurando che quando tutto si sara' chiarito chiedera' di incontrare il Pontefice per ringraziarlo di questa telefonata. Lo scherzo andra' in onda questa sera dopo le 19,30.

"Sono emozionato", dice Antonio Azzollini mentre gli stanno per passare un 'finto' Papa Francesco. Inizia cosi' la conversazione tra il senatore Ncd e un falso Pontefice interpretato da Andro Merku. "Le chiedo scusa se disturbo", dice il falso Bergoglio. "No, no, non disturba. Sono solo molto emozionato solo perche' lei mi ha chiamato. Le chiedo scusa io...". Azzollini scoppia in lacrime. "Stia tranquillo... - dice il 'Pontefice' - La chiamo solo per un motivo, ho letto le frasi che lei avrebbe detto a suor Marcella...". Azzollini, emozionatissimo, risponde subito: "Santo Padre, non ho mai non detto ma nemmeno pensato di dirlo. Mai. Mai. Quando lei vorra' potro' farle vedere che e' una prova costruita ad arte. Ho cercato di smentirla, ma in questo momento io rispetto la legge e mi assoggetto a un processo. Mi creda, mai...Mai...Non ho mai pensato di dirlo...Peraltro i miei rapporti con suor Marcella sono straordinari, come con tutte le suore...".

La conversazione continua con un Azzollini che piange emozionato. "Volevo soltanto sentire dalla sua voce se ha davvero detto quella frase...", insiste il 'Pontefice'. "Mai, Santo Padre - dice Azzollini - non l'ho detta, non l'ho mai pensata...le chiedo scusa se mi sente commosso, perdo la calma per questa storia...dimostrero' che non c'e' niente di quello che dicono, ma fa parte di una vicenda giudiziaria. Invece questa e' umana. Non ho mai pensato di dire a una donna una cosa del genere, tantomeno a una suora...". "Se e' cosi' le cose si aggiusteranno", dice il finto Bergoglio, che aggiunge "Credo alle sue parole, bisogna avere fiducia nella giustizia". E Azzollini: "Grazie, grazie...Mai, mai...ho detto certe cose. Non dormo da quel momento, me l'hanno detto i giornalisti ma e' una cosa falsa". Poi Azzollini dice: "Se lo ritiene le mandero' gli atti da cui si vede chiaramente che si tratta di qualcosa di costruito, ma non voglio tediarla o disturbarla...". "No, no, a me basta questa sincera risposta", risponde il 'Papa'. "Le sono grato illimitatamente", dice ancora Azzollini. "Quando su quel punto specifico ci sara' chiarezza - prosegue il senatore Ncd - e riusciro' a togliere questa macchia terrificante chiedero' di poterla vedere per ringraziarla di questo suo gesto".

Tags:
azzollinitelefonatala zanzarapapa
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Al Lingotto apre  “FIATCafé500”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.