A- A+
Politica

Dopo un anno di governo tecnico l’Italia ora chiede a gran voce che la politica si assuma le proprie responsabilità e che esprima un esecutivo capace di incidere positivamente nella vita quotidiana del Paese. Dopo mesi di provvedimenti senza padre né madre (o come dice qualcuno di ‘leggi bastarde’), figli di un periodo di assenteismo politico che ha sfornato tante decisioni sbagliate e ritrattate (come l'eliminazione delle Province), ora bisogna tornare al principio della tracciabilità politica. Un ministro, un sottosegretario o lo stesso Presidente del Consiglio devono assumersi la responsabilità delle scelte fatte e alla fine rimettersi al giudizio degli elettori. Non vogliamo più foglie di fico che nascondano la paternità dei veri genitori.

Per una volta siamo d'accordo con Marini e la Finocchiaro, che durante la Direzione nazionale del Pd hanno detto chiaramente che serve un governo politico e non più tecnico. In fondo la Fornero, Passera o Grilli gestiscono per delega dei partiti il potere che viene dal voto elettorale, dagli italiani che hanno scelto di imbucare nell’urna una scheda con una x su un simbolo piuttosto che un altro. Come si fa allora a chiedere responsabilità a delle persone, manager se stessimo parlando di aziende, che gestiscono capitali (voti in politica) non propri? Il pasticcio sugli esodati, la riforma del lavoro o l’abolizione delle Province a chi devono essere attribuiti? Al ministro oppure ai politici che l’hanno messo in condizione di scegliere senza sostenerlo? Appunto, passiamo dalle foglie di fico alla tracciabilità politica.

Tags:
governonapolitanotecnici

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.