A- A+
Politica
Tosi fuori dalla Lega corre contro Zaia. La verità sulla rottura con Salvini


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Siamo arrivati all'epilogo. Nel consiglio federale della Lega Nord, convocato per lunedì prossimo alle ore 13, l'anima veneta vicina a Luca Zaia chiederà il commissariamento di Flavio Tosi, numero uno della Liga Veneta. E' il preludio all'espulsione dal Carroccio del sindaco di Verona (anche se Salvini nega quest'ipotesi) che potrebbe anche decidere di andarsene prima di essere messo alla porta da Salvini.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l'uscita di Tosi che non ha assicurato di partecipare alla manifestazione 'Renzi a casa' di sabato prossimo a Roma, organizzata proprio da Salvini contro il governo. Un vero schiaffo a Salvini. Ma quella del sindaco di Verona nel Carroccio è sempre stata una convivenza difficile, fin dai tempi di Umberto Bossi. Il Senatùr arrivò anni fa a un passo dall'espulsione di Tosi, poi l'intervento di Roberto Maroni riportò la quiete. Questa volta, però, la mediazione è fallita.

Tosi non ha mai condiviso l'alleanza europea con Marine Le Pen ed è sempre stato contrario alla richiesta di uscire dall'euro, vero cavallo di battaglia del segretario federale. Tosi si è sempre considerato un democristiano e in questi mesi ha più volte incontrato Corrado Passera per cercare di ipotizzare insieme un nuovo Centrodestra. Salvini, dal canto suo, ha sempre bollato Passera come un banchiere che è stato ministro di Monti, chiudendo a qualsiasi dialogo.

E' proprio un'idea diversa di Centrodestra quella che sta spaccando il Carroccio. Tosi ha sempre sottolineato l'accordo con Maroni preso circa due anni fa in base al quale sarebbe stato lui il candidato premier della Lega in caso di primarie. E per questo si stava muovendo. Poi è arrivato Salvini, che ha spostato il movimento a destra, accelerando sull'uscita dall'euro e stringendo il patto con la Le Pen. Una svolta che ha portato la Lega ha raccogliere il 6,2% alle Europee, il 20% alle Regionali in Emilia Romagna ed ora a essere intorno al 15-16% nei sondaggi a livello nazionale. Nemmeno Bossi era riuscito a fare così bene, è evidente che Salvini tira dritto e vuole diventare lui l'anti-Renzi.

C'è poi il capitolo delle alleanze. Il leader del Carroccio ha detto chiaramente no all'Ncd di Alfano intimando a Berlusconi di scegliere. Forza Italia però ha stretto un'alleanza con il ministro dell'Interno, soprattutto per non perdere la Campania, ed inevitabilmente ha rotto quasi al 100% con la Lega. Tosi invece, da segretario della Liga, vuole un'intesa sia con l'Ncd che con Forza Italia, scontrandosi con le direttive di Via Bellerio. A questo punto l'ipotesi più probabile è che Tosi si candidi in Veneto con una sua lista civica, appoggiata da Ncd, Forza Italia e Passera, contro Zaia e la Lega. Un sondaggio segreto dava circa 10 giorni fa il Carroccio più lista Zaia al 36-37% e la Moretti, candidata del Pd, al 31%. Bisognerà vedere quanti voti toglierà alla Lega e a Zaia lo strappo di Tosi...

Tags:
legaflavio tosiluca zaiamatteo salviniroberto maronilega nord
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.