A- A+
Politica
Falso in bilancio, saltano le intercettazioni

Il governo ha trasmesso a Maria Elena Boschi l'emendamento al ddl corruzione sul falso in bilancio. Il testo non prevede più soglie di non punibilità né in percentuale né rispetto al volume d'affari, mantenendo una distinzione solo tra società quotate e non quotate e abbassando la pena per queste ultime da un minimo di uno ad un massimo di cinque anni di detenzione. Si conferma invece di 3-8 anni la pena per le quotate e la perseguibilità del reato d'ufficio.

Non solo. Il falso in bilancio non potrà più essere un reato intercettabile, come sancito dal codice di procedura penale. L'articolo 266, fissa il presupposto ineludibile per ottenere gli ascolti è che il reato preveda una pena "superiore nel massimo a 5 anni". La pena "fino" a 5 anni quindi non è sufficiente.

Bisogna capire se l'emendamento del governo approderà direttamente in Aula o passerà prima in commissione Giustizia al Senato. Nei giorni scorsi l'intenzione del governo di presentarlo direttamente in Aula aveva prodotto attriti in particolare con Forza Italia.

Tags:
falso in bilancioboschigoverno
in evidenza
"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"

Barbara D'Urso e la simpatia con...

"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Stellantis: inizia la produzione di Jeep Avenger nello stabilimento di Tychy

Stellantis: inizia la produzione di Jeep Avenger nello stabilimento di Tychy

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.