A- A+
Politica
G7, la dichiarazione finale dai migranti a Kiev: su Affari il testo integrale
G7 

G7, firmata la dichiarazione finale: Il Governo incassa il su migranti, Kiev e Africa. Su Affari il testo integrale del documento

Nel documento finale adottato dai leader, 36 pagine in tutto, è stata ribadita la "forte preoccupazione" per la riduzione dei diritti Lgbt, con una condanna ferma a "tutte le violazioni e gli abusi dei diritti umani e delle libertà fondamentali", e confermato l'impegno dei Grandi "a promuovere e proteggere" i diritti della comunità 'arcobaleno'. Quanto all'altro dossier 'caldo' sul fronte dei diritti, nelle dichiarazioni finali la parola 'aborto' non viene menzionata, ma vengono confermati tutti gli impegni assunti dai leader a Hiroshima. C'è poi un capitolo ad hoc che Meloni potrà sfoggiare fiore all'occhiello del G7 made in Italy: il paragrafo sui migranti, in cui i 7 si impegnano a lanciare "una coalizione per prevenire e contrastare il traffico di migranti".

SCARICA E LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE DEL G7

LEGGI ANCHE: G7, Polizia allo stremo: "Nuovo traghetto? Peggio della nave-hotel". Denuncia

Ricorrendo a un "approccio 'follow the money' -mettono nero su bianco i 7 grandi richiamando una strategia messa a punto da Giovanni Falcone contro la mafia e cara a Meloni- per identificare, indagare e contrastare efficacemente la criminalità organizzata, affrontando gli aspetti finanziari, compresa una maggiore cooperazione sulla confisca dei beni". Nel documento trova spazio anche il Piano Mattei voluto dal governo italiano, salutato con favore dai leader.

Il G7 ha espresso pieno e unanime sostegno all'accordo elaborato dal presidente americano Joe Biden per un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza, il rilascio di tutti gli ostaggi, un aumento significativo e duraturo del flusso di assistenza umanitaria in tutta Gaza e la fine duratura del conflitto, si legge nella bozza della dichiarazione finale del G7 in cui si spiega che vanno ''garantiti gli interessi di sicurezza di Israele e la sicurezza dei civili palestinesi a Gaza''.

Sull'Ucraina, in un passaggio del preambolo della bozza di dichiarazione finale, si legge che alla presenza del presidente Volodymyr Zelensky, in un gesto di solidarietà e sostegno "per la lotta dell'Ucraina per la sua libertà e per la sua ricostruzione, abbiamo deciso di mettere a disposizione circa 50 miliardi di dollari sfruttando le entrate straordinarie dei beni sovrani russi immobilizzati, inviando un segnale inequivocabile al presidente Putin. Stiamo intensificando i nostri sforzi collettivi per disarmare e definanziare il complesso militare industriale russo". "La Russia - sottolineano - deve porre fine alla sua guerra di aggressione illegale e pagare per i danni che ha causato all'Ucraina. Secondo la Banca Mondiale, questi danni superano oggi i 486 miliardi di dollari".

"Attendiamo con ansia i Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi ed esortiamo tutti i Paesi a osservare la Tregua Olimpica individualmente e collettivamente, come previsto dalla Risoluzione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite 'Costruire un mondo pacifico e migliore attraverso lo sport e l'ideale olimpico', adottata il 15 novembre 2023", è un altro passaggio.

Sul fronte clima, i Paesi del G7 restano impegnati a "prendere delle misure concrete per affrontare la triplice crisi del cambiamento climatico, dell'inquinamento e della perdita di biodiversità". I Paesi del G7 "restano impegnati a rispettare l'accordo di Parigi e a mantenere un limite di 1,5°C di aumento della temperatura globale". Nella bozza si sottolinea che l'obiettivo resta "invariato" ossia "fornire un contributo sostanziale agli sforzi per ridurre le emissioni globali di gas serra di circa il 43% in questo decennio critico e del 60% entro il 2035, rispetto al livello del 2019". I Paesi del G7 sottolineano "che si tratta di uno sforzo collettivo e che sono necessarie ulteriori azioni da parte di tutti i Paesi, in particolare delle principali economie, per raggiungere il picco delle emissioni globali di gas serra entro il 2025 e il net zero entro il 2050".

G7, la dichiarazione finale. La premier Meloni: "Abbiamo tracciato la rotta". VIDEO

“In questi giorni l'Italia è stata al centro del mondo e gli occhi del mondo sono stati puntati su di noi. Era una grande responsabilità e io sono orgogliosa di come la nostra nazione sia riuscita ancora una volta a stupire e a tracciare la rotta”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni in un video postato al termine dei lavori della seconda giornata del G7 a Borgo Egnazia in Puglia. E dopo aver ringraziato Papa Francesco (“Abbiamo vissuto anche un momento storico con la presenza del santo padre, è la prima volta di un pontefice al G7"), ha parlato dichiarazione finale adottata, "un documento estremamente significativo che contiene i tanti impegni che il G7 ha deciso di assumersi, impegni concreti, reali, che riguardano questioni dirimenti per il nostro presente, per il nostro futuro e sui quali il G7 ha ribadito la sua unità d'intenti, la sua compattezza”.

GUARDA IL VIDEO MESSAGGIO DELLA PREMIER GIORGIA MELONI






in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.