A- A+
Politica

 

beppe grillo

Il Movimento 5 Stelle non si spacca sulla questione diaria che stasera, quasi a sorpresa, e' stata trattata al termine di una riunione fiume in cui si e' anche tanto discusso, con l'aiuto di un consulente del lavoro, di indennita' (lo stipendio dei parlamentari a cui i "grillini" hanno deciso di dare un tetto di 5 mila euro lordi). Ma i malumori di questi giorni per il metodo seguito e per il fatto di non essere stati difesi dagli attacchi del web quando hanno espresso liberamente la loro opinione, non sembrano allontanarsi dal movimento. Nessuno, ripetono, ha mai pensato di trattenere per se' soldi in maniera indebita, ma un conto e' chiedere, riferisce un deputato, "che ne pensi di fare un ulteriore sacrificio e restituire una parte della diaria, cosa che non era prevista inizialmente. E io allora posso sicuramente pensarci. Un conto e' insinuare che ci sia chi vuole fare la 'cresta' e allora io mi sento offeso". Un altro deputato oggi pomeriggio aggiungeva ancora "non c'e' flessibilita'". Sulla ventilata ipotesi che qualcuno possa decidere di prendere le distanze dal movimento - si era parlato dell'ipotesi di staccarsi dal gruppo - c'e' chi osserva: "Sarebbe una iattura perche' indicherebbe in qualche modo un fallimento". Secondo quanto si apprende, il dibattito, iniziato soltanto in tarda serata (dopo le 22.30), ha visto alcuni interventi polemici di chi, come Alessandro Furnari, ha lamentato un problema "di metodo, non di soldi" perche' "le regole sono state cambiate in corsa".

Sulla stessa linea altri deputati come Paola Pinna che ha protestato che "e' stata rigirata la frittata" o anche Alessio Tacconi che ha sostenuto, cosi' apprende l'agi, "la domanda e' mal posta" e che ha chiesto come saranno gestite le situazioni critiche. Di queste avrebbe parlato anche Adriano Zaccagnini invitando a tenere in considerazione per l'appunto i "casi particolari". C'e' chi si lamenta, inoltre, che dibattiti cosi' importanti come questo sulla diaria vengano affrontati alle unidici di sera e chi soffre "gli atteggiamenti irrispettosi" di alcuni. Ma alla fine le posizioni dei malpancisti non si sono concretizzate in un voto contrario e c'e' stato il via libera alla posizione della maggioranza. L'assemblea si sarebbe conclusa, sempre secondo quanto si apprende, con Alessandro Di Battista che avrebbe detto "l'assemblea e' compatta" e Zaccagnini che avrebbe risposto sarcastico "ma famme il piacere". Da domani non sono escluse 'code' polemiche sulla questione, anche via Facebook.

Tags:
diariagrillo

i più visti

casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.