A- A+
Politica


"È il mio riscatto, parte da qui, dalla mia città che mi ha sempre voluto bene. Ricomincio da qui". Con il 53,5% dei voti, Cosimo Mele, 56 anni, ha vinto a sorpresa il ballottaggio a Carovigno (Brindisi) contro la candidata di centrodestra Antonia Gentile (46,58%). Al primo turno Mele, sostenuto da sette liste civiche, aveva raccolto il 35% delle preferenze, contro il 43,11% della rivale. Doppia gioia dunque per Mele che sei anni fa fu il protagonista di uno scandalo a luci rosse nella capitale che lo portò a dimettersi dall'Udc.

La «caduta» di Mele risale a una notte del 2007. Tra il 27 e il 28 di luglio di quell'anno si trovava in una suite dell'hotel Flora di Roma con due donne (si parlò di due squillo), una delle quali accusò un malore, chiamò aiuto e disse di aver assunto della cocaina che gli era stata ceduta proprio dal deputato. Mele ha sempre negato le accuse e ancora sta affrontando gli strascichi giudiziari di quella vicenda. Subito dopo i fatti fu costretto a dimettersi dall'Udc - era al suo primo mandato - e non fu più ricandidato al Parlamento. Già nel 2009 aveva sfiorato l'elezione al consiglio provinciale di Brindisi. Per la notte a «luci rosse» ci sono ancora processi in corso a Roma. In uno Mele è imputato per cessione di stupefacenti. Gli era stata contestata anche l'omissione di soccorso, ipotesi che fu archiviata. Nell'altro è parte civile: imputata per tentata estorsione la donna che, dopo essersi sentitasi male nella stanza dell’hotel, lo accusò di avergli ceduto della droga e che, secondo le accuse, avrebbe richiesto denaro in cambio di una ritrattazione.

Tags:
mele
in evidenza
"Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico

Guarda il video

"Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico


in vetrina
Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te

Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te


motori
Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.