A- A+
Politica

di Pietro Mancini

Appena 5 giorni fa, Giovanni Toti, consigliere politico di Berlusconi, aveva annunciato: "Scajola è un dirigente importante in Forza Italia, avrà un ruolo importante in futuro". Scadente come indovino oppure.....? Purtroppo, per don Claudio e per il suo partito, l'inchiesta di Reggio Calabria ha indicato, ieri, un percorso diverso, ben più umiliante rispetto alla recente bocciatura, da parte di Berlusconi, della sua candidatura alle Europee, per l'ex ministro, a cui l'imprenditore Anemone contribuì, "ad insaputa del politico", a comprare una bella casa di fronte al Colosseo. Il Viminale, da sempre, è stato un fortino inespugnabile della "balena bianca", fino al crollo della Prima Repubblica e alla designazione di un ministro ex Pci, l'allora silenzioso e felpato Giorgio Napolitano.

21 anni fa, venne arrestato un altro ex ministro dell'Interno, della DC- partito in cui, in passato, ha militato Scajola- don Antonio Gava. Nel 1993 Gava, capogruppo al Senato della Democrazia Cristiana, sentì bussare, all'alba, alla porta del suo villone, all'EUR,i Carabinieri, che gli presentarono un mandato d'arresto. L'accusa ? Stretti rapporti con la camorra. In quell'occasione, il figlio di Silvio Gava, in passato più volte ministro, rispose così ai militari : "Sì, sono Antonio Gava. Anzi, lo ero...".

Don Antonio venne accusato di voto di scambio, durante una campagna elettorale a Napoli, e di aver barattato voti persino con loculi cimiteriali. Essendo stato ministro dell'Interno, l'ex leader dei dorotei chiese e ottenne di essere portato al carcere militare di Forte Boccea, dove passò tre giorni e tre notti. Poi gli furono concessi gli arresti domiciliari, che durarono dal settembre 1994 al marzo 1995. Dopo una traversìa giudiziaria, durata tredici anni, il 19 maggio 2006 Gava venne definitivamente assolto in appello, a causa di «mancata impugnazione».

Le motivazioni della sentenza, tuttavia, confermarono la contiguità della corrente dell'influente politico partenopeo con il clan camorristico degli Alfieri. Nel movimento giovanile della DC si è formato, politicamente, l'attuale ministro dell'Interno, Angelino Alfano, 44 anni. Suo padre fu, ad Agrigento, uno dei dirigenti di primo piano del partito di Andreotti. Alfano senior era molto legato all'ex ministro della sinistra dc, don Calogero Mannino, a sua volta indagato, arrestato e infine assolto dal reato di "concorso esterno con la mafia", al termine di un lunghissimo, kafkiano iter processuale, durato 16 anni.

Di recente, Renzi ha respinto la proposta dell'ex delfino di Berlusconi di inserire don Renato Schifani tra i componenti del CSM, che a luglio dovranno essere nominati dal Parlamento. Il premier ha ricordato ad Alfano che l'ex Presidente del Senato è ancora indagato, a Palermo, in un'indagine per "concorso esterno con la mafia" nel periodo in cui l'attuale numero 2 del NCD svolgeva la professione di avvocato.

Tags:
politicastoriatotialfano
in evidenza
Meteo, fresco? È solo un’illusione Torna l'inferno. Ecco quando

Meteo

Meteo, fresco? È solo un’illusione
Torna l'inferno. Ecco quando

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.