A- A+
PugliaItalia
ANCI Puglia, il presidente Perrone bacchetta il Premier Renzi

“Al danno si aggiunge la beffa per i sindaci, il presidente del Consiglio dal Giappone chiede maggiore impegno ai sindaci per rendere accoglienti  le città, un intervento quanto mai fuori luogo e inopportuno, ché giunge proprio quando la Corte dei Conti, nella sua relazione sulla finanza territoriale, denuncia un livello di tassazione locale senza precedenti, con un aumento medio pro capite del 22%. Cos' il presidente dell'ANCI Puglia, luigi Perrone, replica alle dichiarazione del presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi.

anci puglia
 

"La stessa Corte dei Conti - aggiunge Perrone - afferma che il livello record delle tasse locali è da imputare al  «meccanismo distorsivo» che nasce dai «pesanti  ripetuti tagli di risorse» e «scarica sul contribuente» il concorso degli enti locali agli obiettivi di finanza pubblica".

renzi ita jap last
 

"I Comuni sono allo stremo, costretti a sopportare da un lato i tagli scriteriati di risorse del Governo e dall’altro, gli asfissianti vincoli del patto di stabilità. E’ quasi impossibile dare servizi essenziali ai cittadini. Dal 2007 al 2015 i comuni hanno contribuito al risanamento dei conti pubblici con ben 18 miliardi, metà come riduzione dei trasferimenti statali e l'altra metà in termini di contributo al patto di Stabilità.  In tutto questo mettiamoci anche il tentativo di svilimento istituzionale perpetrato  ai danni  dei sindaci, messi alla gogna e costretti a fare da esattori per conto dello Stato,  gli unici però obbligati in prima persona a dare risposte concrete ai territori e impegnati a mantenere la tenuta economico-sociale delle comunità".

Anci luigi perrone
 

Luigi Perrone poi conclude: "Basta proclami e promesse, il Governo dia risposte concrete e metta i sindaci nelle condizioni di operare! Il DL enti locali che doveva essere approvato a febbraio è tardivo e insoddisfacente e lascia irrisolte molte questioni di vitale importanza, tra cui anche l’obbligo delle gestioni associate, stigmatizzato dalla stessa Corte dei conti. I Comuni sono sempre disposti a fare la propria parte, ma chiedono autonomia e responsabilità; servono risorse certe per la spesa corrente, bisogna arrivare subito alla “local tax”, assegnando l’intero gettito della fiscalità locale di Tasi e Imu ai Comuni".

Infine l'esortazione che è diventata da tempo un mantra: "Inoltre, bisogna rivedere definitivamente il patto di stabilità, è necessario allentarne i vincoli in sede europea e nei rapporti tra Stato ed enti locali. Bisogna liberare risorse fondamentali per agganciare la ripresa economica, se davvero vogliamo rilanciare gli investimenti nei nostri territori per rendere più accoglienti le nostri città, ma soprattutto, per ridare dignità ai servizi primari e ai cittadini”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renziperroneancitassecomuni
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.