A- A+
PugliaItalia
Augusto Conte 'Sorgenti della giustizia a Ceglie Messapica'

Appena sfornato dalle Edizioni Grifo l'ultimo lavoro di Augusto Conte "Sorgenti della giustizia a Ceglie Messapica". 

Conte Sorgenti

Il Libro è composto da quattro capitoli, che riportano la legislazione del periodo “francese” nell'Italia Meridionale, con l'istituzione nel 1808 del Giudice di Pace, incentrato nella figura e nell'opera del giureconsulto Giuseppe Antelmy, che rivestì tale funzione in Ceglie Messapica, del quale rimangono due decisioni del 1813; la Codificazione del Regno delle Due Sicilie del 1819, dopo la Restaurazione, con l'istituzione del Giudice del Circondario, con la pubblicazione di sentenze, civili e penali; le legislazione unitaria successiva al 1861 con l'introduzione del Pretore, con la pubblicazione di sentenza nel corso del 1800 e di quelle dei primi decenni del 1900; il quarto  Capitolo, contiene una premessa sull'Ordinamento Professionale degli Avvocati, sulla istituzione dell'Ordine di Brindisi, sulla pubblicazione del primo Albo degli Avvocati e di quello dei Procuratori del 1930, e dopo un riepilogo dei Consiglieri e dei Presidenti che si sono succeduti alla guida dell'Ordine, tutti gli Avvocati che hanno esercitato l'attività forense in Ceglie Messapica e alcuni di quelli che, originari della Città, hanno svolto il loro ministero in altri Fori. 

wNardo piazzaSalandra fotoAristideMazzarella

Dalla Prefazione a cura dell'Autore:

“Il libro è dedicato alla Giustizia nella mia Città di Ceglie Messapica, anche se riflette proiezioni soprattutto in tutti i territori dell'Italia meridionale negli ultimi duecento anni, perché la Giustizia costituisce il tema fondante delle religioni, della filosofia, della politica e interessa i popoli nel loro insieme, in quanto esprime esigenza di ordine, garanzia di conoscenza e senso di dignità e sacralità della persona.

Il contesto rivisita la “storia” della cittadinanza attraverso i significati che si possono trarre, dalla narrazione delle vicende giudiziarie, sui comportamenti, sulle relazioni sociali, sulle condizioni economiche, sulle rivendicazioni di diritti, pretesi o spettanti, e persino sul linguaggio, sui luoghi e sulla diffusione dei nomi.

 La Giustizia, nell'epoca moderna, trae “sorgente” sia nel “particolare” della nostra Città che negli Stati dei quali è parte, dalle fonti normative dei sistemi giuridici codificati, prima “territoriali” e poi “unitari”, a partire dalla introduzione dei Codici “francesi”, poi fatti propri e adeguati al popolo mediterraneo dalla Dinastia Borbonica, in seguito confluiti nella legislazione unitaria nazionale, e perfino in quella tuttora in vigore, per lo meno nella struttura di astrattezza e generalità della legge.

 Di pari passo si svolge il mutamento degli Ordinamenti Costituzionali a partire dagli Stati territoriali preunitari e proseguendo nell'Unità dello Stato Italiano, al quale fa seguito l'organizzazione giudiziaria, sempre più autonoma e indipendente dal potere politico, con all'inizio il Ripartimento del Giudice di Pace, quindi del Circondario del Giudice e, infine, del Mandamento di Pretura retta dal Pretore.

w46 ruggiano santuariosantamarina

Sullo scenario istituzionale e normativo si incastona nella narrazione la documentata attività giudiziaria, laddove l'Ordinamento vive, si manifesta, si invera e si concretizza attuando e utilizzando le disposizioni normative che la regola e che costituisce altra “sorgente” della Giustizia, illustrata con la riproduzione e l'analisi delle più rilevanti decisioni giurisprudenziali, a partire da quelle rese dal Giudice di Pace, proseguendo con quelle del Giudice del Circondario e infine del Pretore.

Come ho potuto constatare da un osservatorio privilegiato, avendo svolto l'attività professionale forense per oltre cinquantasei anni, e avendo rivestito le funzioni di Vice Pretore Reggente della Pretura di Ceglie Messapica nei primi anni ottanta del Secolo scorso e per un decennio quelle di Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Brindisi e della Fondazione Provinciale dell'Avvocatura, nello scenario istituzionale il Pretore costituiva con la Pretura, definita “avamposto del diritto”, della quale era a capo, centro di aggregazione di interessi e di professionisti, e di manifestazione della giustizia della quale costituiva figura centrale, che per oltre un secolo ha rappresentato il presidio giudiziario sul territorio e “trincea” per Magistrati e Avvocati.

 La memoria degli Avvocati, “sorgenti” di Giustizia, che animavano la vita forense, che di quelle “trincee” furono combattenti e protagonisti, pietre angolari, nel ricordo di nomi e volti, legati con “vincoli invisibili” a tutto l'organismo politico e sociale, confluisce nella “grande” storia dell'Avvocatura e dell'Umanesimo Forense.

I professionisti della conoscenza legale rendono vivente il Diritto e attuano la Giustizia, risultato della dialettica con la quale riescono a tradurre il dato concreto in esperienza giuridica, nella quale si esprime la difesa dei diritti, immodificabili e irrinunciabili, fondamentali di libertà personale e civiche, di dignità umana, ed economiche e patrimoniali, ivi compreso il diritto al lavoro, che una volta riconosciuti richiedono una attività e un impegno di difesa, per reprimere gli abusi e per evitare che retrocedano in un cono di penombra e di minore protezione”.

Dalla residenza di Ceglie Messapica, il giorno del compimento dell'ottantesimo compleanno, 31 marzo 2021.

                                                                                                       Avv. Augusto Conte

------------------------- 

conte augusto

Augusto Conte è Avvocato del Foro di Brindisi - Dello stesso Autore in questa Collana sono pubblicati, Ordinamenti Giuridici e Sistemi delle Pene nei territori italiani preunitari; Il sistema delle prove penali negli Ordinamenti Italiani-Dalla tortura alla prova scientifica; Il Procedimento Disciplinare nell'Ordinamento Professionale degli Avvocati. Con l'Avvocato Domenico Maria Conte, Etopea Forense; Umanesimo della Legge-Apparati giuridici storici letterari. Precedenti pubblicazioni di Augusto Conte: Istituzioni giudiziarie di Ceglie Messapica; Toghe Cegliesi e, con le Edizioni Grifo, Onore con pistola; Avvocati e giuristi illustri salentini dal XVI al XX Secolo (coautore).

Commenti
    Tags:
    augusto contesorgenti giustizia ceglie messapica prefazione copertina libro
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    L’ignoranza circa l’ebraismo e le ragioni di Israele
    Di Ernesto Vergani
    Rula Jebreal? Ha sbagliato a non andare a ‘Propaganda Live': ecco perché
    L'opinione di Gabriele Di Marzo
    Covid, ancora non è chiaro? Non è un'emergenza, ma la nuova normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.