A- A+
PugliaItalia
Bif&st 2017, prospettiva internazionale e primo piamo per la 'Scienza'

Maurizio Sciarra, Presidente Apulia Film Commission, in Cina per i sopralluoghi di un suo prossimo film, Marco Müller critico cinematografico, produttore cinematografico e direttore artistico dalla Cina a Bari, e il direttore del Festival Felice Laudadio che annuncia la nuova presidente del Bif&st: la regista Margarethe Von Trotta. E' tutta in questa sequenza la prospettiva più internazionale del Bif&st 2017, che per questa edizione punterà la sua camera da presa sul tema della Scienza, oltre a fare focus su due giganti del cinema italiano: Vittorio Gassman e Dino Risi.

Laudadio bifest2017
 

Nella cornice marinara del Circolo Canottieri Barion è stato presentato, con alcune anticipazioni di film e presenze importanti, l’ottava edizione e mezzo (se si tiene conto dell’edizione pilota del 2009) del Bif&st 2017 (22/29 aprile), il Bari International Film Festival, ideato e diretto da Felice Laudadio e prodotto dalla Regione Puglia con il supporto di Apulia Film Commission.

"Un Festival - ha sottolineato Maurizio Sciarra nel suo messaggio dalla Cina - che continua a coniugare il suo grande richiamo popolare con la ricerca e la formazione di un pubblico nuovo, soprattutto legato alla formazione scolastica; nonché con la ricerca continua di innovazione della formula".

Laudadio VonTrotta
 

Presenti il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, l’assessore regionale all’Industria turistica e culturale Loredana Capone, il Sindaco di Bari Antonio Decaro, il vicepresidente di Apulia Film Commission Giandomenico Vaccari e il direttore del Festival Felice Laudadio.

“Il Bif&st - ha detto Emiliano - è diventato, al di là della questione culturale che poi si concretizza negli eventi specifici, un momento di bilancio. Mi fa piacere vedere qui sia la parte pubblica sia la parte privata che ha deciso di investire in cultura. E mi ha fatto particolarmente piacere aver ascoltato dal presidente dell’ANCE parole e concetti molto importanti, che possono essere così sintetizzati: Dalle mani sulla città alla città tra le mani”. Quando una città e un’intera comunità sono in grado di leggersi e di ritrovarsi come se fosse un unico organismo vivente coerente, vuol dire che siamo sulla strada giusta”.

Bifest Perin Sciarra
 

“Qui ho ritrovato - ha continuato Emiliano - tanti soggetti, tanti protagonisti, tante persone che realizzano il loro piccolo pezzo di Puglia, e lo fanno attraverso un coro che il direttore Laudadio ritrova quando ce n’è bisogno. E questo è un vero e proprio miracolo”. Emiliano poi ha sottolineato “il contatto carnale tra il cinema e le persone che si attua ogni anno con il Bif&st e che consente a tutti di immergersi nella dimensione dell’incontro e della riflessione sociale e politica”.

“Questa regione, anche cambiando leadership - ha aggiunto il presidente - rimane coerente con se stessa. Non è il cambiamento che chiamiamo trasformismo, che è una delle caratteristiche più negative di questo paese, ma è un profondo cambiamento interiore che i pugliesi hanno realizzato con una volontà che parte dal basso e che nel Bif&st poi è in grado di esprimersi. Io avverto nell’aria il bisogno della comunità di ritrovarsi in questo evento e di riconoscersi in questo luogo immaginario che si chiama cinema, un cinema, mai come in questa edizione, declinato con tutti gli aspetti della nostra vita, da quelli più interiori a quelli più esteriori”.

IMG 4228
 

“E poi - ha concluso Emiliano - abbiamo dimostrato come si può portare l’economia sul terreno della cultura e non viceversa. C’è un processo politico in atto al quale avete partecipato tutti perché senza la cultura che ci aiuta ad elaborare il senso profondo della vita e della comunità, rischiamo di perderci. Oggi possiamo dire con un po’ di soddisfazione che non lasciamo mai le cose a metà qui in Puglia. Noi facciamo pure le nozze con i fichi secchi, ma ben sapete che con i fichi secchi, le mandorle, l’olio di oliva noi abbiamo costruito una grande civiltà e certo non molleremo adesso”.

“Il Presidente Emiliano - ha aggiunto l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia Loredana Capone - in occasione della presentazione del Bif&st a Venezia scrisse che questo festival è soprattutto "amore per il cinema". Sinceramente non trovo espressione più bella ed efficace per descrivere la passione e l'impegno con cui i tanti protagonisti di questa grande avventura si dedicano al successo dell'iniziativa. Basta dare uno sguardo al programma per rendersi conto di come dietro il successo del Bif&st ci sia passione ed impegno ma ci sia anche pensiero. Un pensiero che riguarda il ruolo che il cinema deve avere nella società contemporanea ed anche il ruolo che la Puglia deve avere nel cinema”.

IMG 4226
 

“Nella comunità nazionale ed internazionale del cinema - ha detto la Capone - la Puglia ha saputo guadagnarsi e difendere un suo ruolo riconoscibile. A ciò ha contribuito sicuramente la politica regionale con la scelta di dedicare al settore nuove risorse sia in direzione della produzione (incremento del film fund) sia verso l'esercizio (con il bando sull'ammodernamento delle sale), ha contribuito certamente il lavoro di AFC, ha contribuito il ruolo del Bif&st, insieme a quello dei tanti festival che promuovono la cultura cinematografica e i nuovi linguaggi dell'audiovisivo. Ma ha contributo soprattutto il pubblico pugliese che da sempre sente il cinema appartenergli”.

“E poi concludo - ha detto la Capone - con un accenno alle numerose ricadute economiche che questo Festival, ma in generale tutti gli eventi culturali, producono sul tessuto cittadino. Bari ad esempio, nella settimana del Bif&st, sembra risvegliarsi e vivere una nuova giovinezza. Ricadute economiche dunque che hanno stimolato le organizzazioni economiche private a cosostenere il Bif&st”.

“Oggi sono qui - ha detto il Sindaco di Bari Antonio Decaro - per ringraziare ancora una volta la Regione Puglia per aver scelto di investire su Bari con la grande Kermesse ormi internazionale del Bif&st. Perché la mia città non può far altro che ringraziare il Bif&st e accoglierlo nella maniera migliore possibile, come ormai facciamo da 9 anni. Ormai si è trasformato in un appuntamento consolidato, quasi un rito a cui ci si prepara con l’attesa frenetica delle grandi manifestazioni. Quest’anno poi con l’apertura del Bif%st il 22 aprile apriamo di fatto la grande carrellata del maggio barese che quest’anno vedrà la nostra città sotto i riflettori della stampa di tutto il mondo, grazie al G7 e a tanti altri appuntamenti”.

“Il Bif&st - ha continuato il Sindaco - però è speciale, trasforma Bari in una sorta di grande red carpet dove gli ospiti nazionali e internazionali si confondono tra una passerella e un aperitivo al molo san Nicola, senza trascurare i contenuti e gli approfondimenti delle lezioni di cinema con i grandi maestri della macchina da presa. Questo è il bello del Bif&st, una manifestazione che tiene insieme la patina dorata del jet set e la curiosità e la fame di cinema del pubblico. Il Bif&st credo sia una straordinaria operazione di democrazia culturale, perché apre le porte delle sale cinematografiche a tutti, per più ore al giorno, offrendo la possibilità di vedere un’anteprima internazionale primo o dopo di un film cult della stagione in corso o un capolavoro della storia del cinema".

vaccari
 

"Tutto a Prezzi molto accessibili, condizione non da poco in questo momento storico. Come amministrazione comunale stiamo facendo più o meno la stessa cosa con il Teatro e la card della cultura che permetterà a tanti ragazzi che non hanno le possibilità economiche di frequentare quando vorranno tutti i teatri di Bari. Se questa sperimentazione andrà bene estendere questa misura anche al cinema e agli altri contenenti ori culturali. Per questo - ha concluso Decaro - faccio i migliori auguri di buon lavoro a tutto il gruppo di lavoro di questa straordinaria iniziativa e faccio i migliori auguri alla mia città, che sappia offrire e offrirsi al meglio ai tanti cittadini e ospiti che saranno a Bari dal 22 al 29 aprile”. 

Felice Laudadio 3
 

Felice Laudadio infine, dopo aver anticipato alcuni eventi del festival, ha evidenziato “La necessità di una programmazione anticipata e pluriennale, pensando che il Bif&st possa vivere non solo una settimana ma tutto l’anno. Le condizioni per lavorare bene esistono, è anche questa edizione sarà un test di success”.

Per il vicepresidente di AFC Giandomenico Vaccari, infine il Bif&st è la creatura più importante dell’Apulia Film Commission, “Due vite parallele, quella di AFC e quella del Bif&st, perché sono nate quasi insieme e insieme sono cresciute, rafforzandosi entrambe”.

(gelormini@affaritaliani.it)

-----------------------------------

Pubblicato sul tema: Il Programma del Bif&st 2017

Tags:
bifest prospettiva bari internazionale primo piano scienzafelice laudadiomargarete von trotta
i blog di affari
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.