A- A+
PugliaItalia
Bif&st, Sorrentino e la regia Il rifugio del dilettante concentrato

Bari - "La regia è il rifugio del dilettante concentrato”. Paolo Sorrentino, ospite del Bif&st 2014, ha così provato a spiegare ad un Teatro Petruzzelli da tutto esaurito la sua visione del Cinema e del mondo. Un pensiero che rispecchia un po’ quella stessa ironia del discorso di ringraziamento pronunciato durante la cerimonia degli Oscar, dopo aver ricevuto il premio come miglior film straniero (''Thank you to my sources of inspiration: Federico Fellini, Talking Heads, Martin Scorsese and Diego Armando Maradona'').

Uno spirito, quello del regista, sempre in bilico tra lieve cinismo, blanda speranza, grande capacità di comunicazione pop e poca voglia di prendersi sul serio: “Sono tanti gli elementi di distrazione che possono farti perdere di vista l'obiettivo, anche quando ti sei preparato in maniera meticolosa. Conosco diversi colleghi che finiscono per inibirsi e trovarsi a disagio, di fronte alla paura di fare qualcosa di già visto e perdono per strada una cosa preziosissima come la spontaneità dell'approccio”. “Come si diventa regista, quali sono le scelte da compiere?”, si chiedono molti giovani presenti in platea. Quelle non sempre giuste ed ovvie, stando almeno a quanto raccontato da Sorrentino. Spesso è necessario affidarsi a degli sbagli: “I ruoli di assistente alla regia erano già stati assegnati e pur di entrare nel meccanismo di produzione del film accettai un ruolo assolutamente non adatto alle mie capacità. Ero fondamentalmente privo dell'organizzazione mentale necessaria per il compito assegnatomi, l'esperienza si rivelò un totale fallimento”.

Il Cinema, secondo il regista, trova radici e continuo rinnovamento nella Fantasia: “Quando scrivi hai la libertà di raccontare quello che vuoi, mondi fantastici e storie strane. Serve però un’idea forte o il contatto con lo spettatore non ci sarà”. “Le idee – ha proseguito Sorrentino -  non hanno bisogno di soldi  e di mezzi. Problemi certamente importanti ma non determinante ai fini della riuscita o meno di un film". Idee, quelle del regista, che si muovono costantemente tra grottesco, fantastico e borderline.

Sorrentino
 

I personaggi e le storie di Sorrentino sono state spesso criticate per vacuità manierista e compiaciuta ed è impossibile negare l’autore non abbia fatto di questa critica un punto di forza: la sua è una regia visiva, a tratti autoreferenziale, ma non per questo meno forte. Tocca il ventre del Paese cannibalizzandolo sì, ma invitandolo alla riflessione. Gli uomini e le donne di Sorrentino sono personaggi sgradevolmente al limite e reali, l’immedesimazione è vissuta dallo spettatore quasi come violenta. Il ritratto della realtà da respingente diviene quindi umano, ecce homo, e miserabile. Da compatire (dal latino: [cum] insieme [patior] soffro). “Ne 'La grande bellezza' – ha confessato Sorrentino - volevo raccontare tutto, proprio tutto quel che c’è, stabilire un tetto e non arrivarci mai. Questo è stato il tentativo malsano del film. Le uniche critiche negative che condivido sono quelle che ne motivano la superficialità. Che però va bene, perché Jep è un superficiale che vive galleggiando e teme la profondità".

“La cosa più bella di questo lavoro – ha concluso il regista, prima di salutare il pubblico - è il lavoro, e visto che sono un nostalgico tendente al pessimista è meglio che mi rimetta subito in moto per il mio nuovo film, se guardo avanti vedo la vecchiaia e la morte e quindi finché si è giovani è meglio darsi da fare". Sorrentino è stato infine premiato da Felice Laudadio con il premio “Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence”, “per il suo estro nel realizzare un cinema originale, intimo e personale, ma capace di coinvolgere il pubblico italiano e di tutto il mondo attraverso la sua potenza narrativa e la sua (grande) bellezza”.

Tags:
bif&stsorrentinoregiafellinibari
Loading...
i blog di affari
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
PROGETTI PER CARCERI, GIUSTIZIA, VOLONTARIATO, CINEMA, DONATORI SANGUE
Boschiero Cinzia
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.