A- A+
PugliaItalia
Blasi (Pd): "Sul ciclo rifiuti Emiliano e la Giunta si giocano la faccia"

Il Consigliere regionale del PD, Sergio Blasi, interviene con una nota sui processi in atto per affrontare la problematica rifiuti in Puglia. Non più tardi di ieri, il presidente Emiliano aveva dichiarato che "Cè bisogno di più impianti e non di nuove discariche".

“La gestione del ciclo dei rifiuti, insieme alla sanità, è il settore più caratterizzante per un governo regionale", dichiara Sergio Blasi. "Per questo penso che su questo tema, infarcito come al solito di buoni propositi e di importanti annunci, la Giunta si giochi la faccia".

Emiliano Blasi
 

"In particolare - aggiunge Blasi - io voglio sperare, e lavorerò in questa direzione, che la nuova agenzia regionale sia garanzia di tutela dell’interesse supremo dei cittadini. E non, come hanno finito per essere le Oga, dell’interesse di chi dallo status quo continua a fatturare enormi guadagni ed è in grado di condizionare la politica. Per cui il mio auspicio è che su questo tema si lavori in forte discontinuità rispetto al passato e si mandino segnali forti e chiari di un cambiamento a lungo auspicato ma che nella nostra Regione non si è mai realizzato".

"Il primo segnale riguarda la discarica di Corigliano. Che insiste sulla più importante falda acquifera del Salento, da cui l’Acquedotto pugliese preleva l’acqua che finisce nei rubinetti dei cittadini di una miriade di comuni, non solo di quelli della Grecìa. Quella discarica non deve e non dovrà mai entrare in funzione, come la Asl ha chiesto a margine del suo rapporto sulla spaventosa crescita dei tumori nel nostro territorio".

"Il secondo segnale - sottolinea l'ex segretario regionale del Pd - riguarda la velocità con la quale si procederà ai bandi per la realizzazione di impianti di compostaggio utili a chiudere il ciclo. Non abbiamo tempo da perdere e non abbiamo dubbi da sollevare sull’utilità di questi impianti, che serviranno a migliorare complessivamente il livello di salubrità del ciclo dei rifiuti nel Salento e finalmente a raggiungere l’obiettivo del riutilizzo effettivo della frazione umida dei rifiuti. La stessa che oggi si chiede ai cittadini di differenziare per poi buttarla nei soliti biostabilizzatori e nelle solite discariche".

"Leggo che si parla anche di sopravvalli o di ampliamenti delle discariche. Anche questa è una opzione a cui opporsi, perché è la prima manifestazione del pericolo che anche in questa legislatura si possa finire per perpetuare lo status quo".

"Sono pienamente d’accordo con Emiliano - conclude Blasi -quando dice che negli anni scorsi 'La Regione non è riuscita a toccare palla' mentre 'i privati che gestiscono discariche autorizzate si arricchiscono aumentando però l’inquinamento delle aree'. In sintesi mi pare una giusta analisi. Ora non resta che cambiare davvero”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
blasirifiutipdciclofacciaemilianogiunta
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.