A- A+
PugliaItalia
Brindisi Sacra Corona Unita 34 arresti per reati mafia

La Polizia di Stato di Brindisi sta eseguendo, un’ordinanza di custodia cautelare, nei confronti di 34 persone indagate per associazione mafiosa, estorsioni, danneggiamenti, detenzioni di armi, tutti aggravati dal metodo mafioso.

BRindisi Colonne terminali Via Appia
 

Le indagini dei poliziotti della squadra mobile, avviate nel 2013 ed incentrate sul clan della Sacra Corona Unita “Pasimeni - Vicentino” e sulle sue articolazioni nel comune di Brindisi, hanno consentito di ricostruire le attivita’ e gli interessi della stessa, in particolare sulla citta’ di Brindisi, facendo emergere altresì il ruolo di vertice di alcune donne, compagne dei capiclan, che impartivano gli ordini  agli affiliati.

Per la maggior parte degli indagati, tutti di giovane età, si tratta della prima contestazione per reati di mafia.

Contestualmente la Divisione Polizia Anticrimine della stessa Questura sta eseguendo un decreto di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, del valore di svariate centinaia di migliaia di euro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brindisisacra corona unitamafiaarrestipolizia
i blog di affari
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
Certificazione verde e MOG231
di Guido Sola
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.