A- A+
PugliaItalia
Carra (Uila-Uil): "Più controlli alle aziende che dichiarano poche giornate"

“Quanto fatto dal ministro Martina in questi giorni, anche con le iniziative sulla stampa, ha contribuito a tenere alta l’attenzione su un fenomeno drammatico che il sindacato combatte quotidianamente. Apprezziamo molto il suo impegno e la volontà di portare avanti questa battaglia ma, al tempo stesso, auspichiamo che alle misure del Piano di azione venga data immediata attuazione, anche attraverso un decreto legge".

caporalato2
 

E’ quanto afferma Giorgio Carra, segretario nazionale Uila-Uil, in seguito al vertice sul caporalato svoltosi presso il Mipaaf con i ministri delle politiche agricole e del lavoro Maurizio Martina e Giuliano Poletti, il presidente dell’Inps Tito Boeri, le organizzazioni di categoria e la distribuzione organizzata.

“Il fenomeno del caporalato va combattuto senza indugio. Tuttavia, è anche vero che esso esiste nella misura in cui ci sono aziende agricole che sottopagano o fanno lavorare in nero i braccianti” prosegue Carra. “E’ un circolo vizioso che non si combatte con i voucher e che va stroncato con un rafforzamento dei controlli, soprattutto in quelle imprese che dichiarano da 1 a 5 giornate di lavoro: ricordo che su 909 mila braccianti, nel 2014, 136.341 hanno lavorato meno di 10 giornate e circa 300mila non hanno superato le 50”.

“La legittimazione data da Martina alla Cabina di regia della Rete del lavoro agricolo di qualità, affidandogli il compito di varare in 15 giorni le proposte per il Piano di azione contro il caporalato, è importantissima” conclude il segretario. “Ora bisogna procedere con urgenza e dare risposte concrete sul piano economico, sanzionatorio e normativo al settore agricolo”.

(gelormini@affaritaliani.it)

IMG 8973
IMG 8974
 
 
Tags:
carrauila-uilcaporalatopianomartina
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.