A- A+
PugliaItalia
Carrieri, presidio igiene e su sicurezza scrive a Alfano

Giuseppe Carrieri dal suo scranno in Consiglio comunale a Bari dà il via a due nuove iniziative volte a dar corpo al ripetuto impegno - amministrativo e civile - sulle tematiche scelte, per la sua azione da rappresentante di minoranza nel consesso di Palazzo di Città: Igiene urbana e Sicurezza urbana.

IGIENE URBANA: Sin dai primi giorni di Maggio è partita la raccolta - attraverso i social network e le comunicazioni soggettive - delle segnalazioni di disservizi dei Citadini, per contestarle formalmente all'AMIU e  consentire alla Ripartizione Enti Partecipati di sanzionare la stessa Amiu, come previsto dal contratto di servizio.
 
 
SICUREZZA URBANA: Dopo 2 interpellanze, rimaste in attesa di risposta, il consigliere Carrieri, in una nota diffusa, comunica di aver scritto - insieme agli altri rappresentanti di minoranza: Filippo Melchiorre (Fd'I), Pasquale Finocchio (FI) e Romeo Ranieri (NCD) l'allegata lettera al Ministro dell'Interno, Angelino Alfano.
 
E con l'occasione preannuncia  la presentazione nelle prossime settimane di altre tre iniziative:
1.Ordinanza antiprostituzione;
2.Regolamento insediamento sale scommesse;
3.Protocollo Prefettura per lavoro richiedenti asilo.
 
(gelormini@affaritaliani.it) 
Carrieri
 
 
 
La lettera al ministro Alfano
 

Ill.mo Sig.

Ministro dell’Interno

On.Angelino Alfano

Presidenza Consiglio dei Ministri

 

Oggetto: Città di Bari-Sicurezza urbana

 

Gentile Ministro,

i sottoscritti capigruppo di centrodestra al Consiglio Comunale di Bari evidenziano la grave situazione dell’ordine pubblico esistente nella Città di Bari.

E’ infatti di appena qualche giorno fa l’ennesimo omicidio (di un ragazzo di 27 anni)nel pieno centro cittadino; l’ennesima rapina a mano armata (in una sala scommessa) anch’essa situata nel centro cittadino; l’ennesimo scippo subito da un’anziana signora.

Orbene, siamo evidentemente consapevoli che qualche agente di polizia in più, difficilmente avrebbe potuto evitare il compiersi di detti reati. E’ però inaccettabile che ormai da mesi la nostra Città (e il territorio metropolitano) sia priva del Prefetto (andato in pensione) e registri –da tempo- centinaia (non decine) di vuoti d’organico nelle forze di polizia. Inoltre che –da tempo- non sia interessata da un programma capillare di riorganizzazione/implementazione dei sistemi di videosorveglianza per la sicurezza urbana.

Bari Città Metropolitana non merita questa disattenzione da parte del Governo; peraltro in uno dei servizi pubblici più importanti per i Cittadini.

In tale situazione chiediamo pertanto un tempestivo intervento per: a) addivenire alla nomina del nuovo Prefetto di Bari, a scegliersi tra le personalità più “forti” e competenti; b) risolvere le gravi carenze d’organico e di mezzi delle forze di polizia del territorio cittadino e metropolitano; c) supportare –tecnicamente e finanziariamente- le Istituzioni Locali deputate all’ordine pubblico, nella realizzazione di un innovativo e coordinato progetto di videosorveglianza urbana.

Restiamo in attesa di  pronto riscontro e frattanto voglia gradire i nostri migliori saluti.

 

Romeo Ranieri-NCD         Pasquale Finocchio-FI            Filippo Melchiorre-FDI  

                                  Giuseppe Carrieri-Impegno Civile                     

 

Tags:
carrierialfaboigieneurbanasicurezza
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.