A- A+
PugliaItalia
Cementeria di Barletta Cascella: 'Sostenere legalità'

La nota del sindaco di barletta, Pasquale Cascella, in merito al procedimento della Magistratura sulla gestione dell'impianto di incenerimento dei rifiuti della Cementeria di Barletta:

"È da seguire con scrupolosa attenzione l’indagine aperta dalla magistratura per reati particolarmente sensibili, quali quelli di cooperazione in disastro ambientale colposo e concorso in falso e abuso d’ufficio, nei confronti dei rappresentanti di imprese private e di funzionari e tecnici della Provincia, della Regione e dell’ARPA per il rilascio nel 2011 della Valutazione di Impatto Ambientale per lo smaltimento di rifiuti speciali nella Cementeria di Barletta, che sarebbe oltre i limiti di legge anche in considerazione della collocazione dell’impianto a ridosso di insediamenti residenziali".

Cascella TGR
 

 

"È il caso di notare - prosegue Cascella - che l’indagine giudiziaria interviene a margine di una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, che aveva già respinto una richiesta dell’azienda di incrementare il quantitativo massimo giornaliero di utilizzo del combustibile da rifiuto, che in questo caso aveva visto l’opposizione sia della Regione e della Provincia sia del Comune di Barletta. Nel costituirsi a giudizio rispetto al controricorso dell’azienda, il Comune di Barletta ha sostenuto l’esigenza di una nuova procedura di autorizzazione ambientale fondata su una valutazione degli effetti sull’ambiente dell’uso di rifiuti speciali. Questa posizione resta ferma, e sarà fatta valere in ogni sede giudiziaria".

 

"Parallelamente al procedimento della Magistratura, rispetto al quale il Comune è pronto a intraprendere tutte le misure che ne dovessero conseguire aggiunge il sindaco - l’occasione è preziosa per una riflessione che coinvolga tutti i soggetti interessati – istituzioni pubbliche, imprese, associazioni ambientaliste – nell’affrontare risolutamente gli effetti diretti e indiretti di attività produttive che, per la loro collocazione nell’area urbana, rischiano sempre più di mettere a repentaglio la qualità della vita in città".

 

"Le norme europee, nazionali, regionali e locali, insieme alle nuove tecnologie - conclude Cascella - mettono in campo opzioni innovative e anche economicamente sostenibili per garantire un sempre più elevato livello di tutela della salute umana e dell’ambiente. È il momento di convergere tutti nella ricerca di soluzioni che, al di là dell’interpretazione delle norme e degli atti amministrativi, tutelino il pubblico interesse allo sviluppo sostenibile.

 

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
barlettacementerialegalitàsindacorifiuticascella
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.