A- A+
PugliaItalia
Consorzi di Bonifica Pozzi senza fondo (di Nino Sangerardi)

di Nino Sangerardi

Riecco le cartelle di pagamento che i Consorzi di Bonifica stanno inviando a proprietari terrieri e agricoltori.

Balzello stoppato l’anno scorso da Giunta e Consiglio regionale, dopo le proteste di associazioni agricole e dei consiglieri regionali di maggioranza e opposizione. Oggi, dopo l’esito elettorale del 31 maggio scorso, punto e capo.

Eppure l’articolo n. 7 del Bilancio di previsione 2015 e pluriennale 2015-2017, approvato dal Consiglio regionale, dispone di elargire ai  Consorzi di Bonifica 8,5 milioni di euro  per il primo semestre 2015. Soldi per ”... stipendi ai dipendenti, consumi di acqua e energia, oneri, a carico dei Consorzi, spettanti ai dipendenti in quiescenza dal 31.12.2015”.

consorzi bonifica
 

Nel corso degli ultimi 10 anni la Regione Puglia ha continuato a iniettare moneta dentro le sfatte vene dei Consorzi di Bonifica. E ultimamente la Giunta regionale ha deciso di devolvere ai Consorzi  ben 19,5 milioni di euro. Ripartiti così: 8,5 milioni  per spese funzionamento, 2,5 milioni  a copertura del mancato gettito tasse su immobili non rurali, 8,5 milioni utili alla manutenzione straordinaria delle strutture irrigue.

Con Legge finanziaria del 2013 furono assegnati 20 milioni di euro in favore dei  Consorzi Terre d’Apulia, Arneo, Stornara e Tara, Ugento Li Foggi. Denaro per spese di funzionamento.

Emiliano firma6
 

“Voglio un unico commissario istituzionale e la politica non deve per nulla ficcare il naso in questa vicenda perchè ha già la responsabilità di aver impedito la riforma che era necessaria... C’è un pregiudizio forte nei confronti dei Consorzi di bonifica,visti come delle vere e proprie giostre degli sprechi...”, aveva detto Nichi Vendola, amministratore politico della Regione e dunque dei Consorzi. Non a caso è quest’ultima che dal 2005 nomina i commissari straordinari dei Consorzi di Bonifica.

In primis quello di Terre d’Apulia: Giuseppe Maria Cavallo, Anna Svelto, di nuovo Giuseppe Maria Cavallo. Infine Giuseppe Antonio Stanco, designato da presidente e Giunta il 4 luglio 2011, scadenza 31 dicembre 2011 prorogata al 31 dicembre 2012 e successivamente fino 31 dicembre 2014.

Il presidente Vendola riguardo lo status quo finanziario dei Consorzi aveva ribadito: “Non è più possibile procrastinare questa situazione, altrimenti andremo incontro al default dei Consorzi e al default della Regione”.

Default significa, in italiano, fallimento. Bancarotta.  Di quale entità politica e istituzionale pugliese?

Tocca ora al neo-presidente Michele Emiliano affrontare e provare a risolvere i problemi, non facili, che assillano i Consorzi. A cominciare dalla debitoria: 300 o 270 milioni di euro?

Iscriviti alla newsletter
Tags:
consorzibonificapozzicartellevendolaemilianopuglia
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.