A- A+
PugliaItalia
D'Ambrosio Lettieri (CeR) bacchetta Renzi Italia sul baratro e Sud dimenticato
“Renzi dice che l’Italia ha svoltato? Sì, verso il baratro. Con il Sud davanti a tutti e scandalosamente dimenticato. Adesso occorrono riforme credibili, riduzione drastica delle tasse, piano straordinario per il lavoro e politica industriale nazionale, soprattutto per il Mezzogiorno. E’ emergenza sociale. La montagna-Renzi smetta di partorire topolini. Altro che svolta”. Così Luigi d’Ambrosio Lettieri (Conservatori e Riformisti italiani) commenta i dati del rapporto Istat 2014.
 
“Più di 7 milioni di italiani sono poveri. Di questi, oltre 4 milioni vivono in condizioni di povertà assoluta, non potendo neanche consentirsi il minimo sostentamento”, afferma, “I dati dell’Istat, seppure stabili rispetto al 2013, sono drammatici. Nel Mezzogiorno, poi, è allarme rosso: la povertà assoluta resta, infatti, quasi doppia rispetto al resto del Paese, in particolare nei piccoli comuni”.
Lettieri presid
 
 
D’Ambrosio Lettieri sottolinea ironicamente, parafrasando le dichiarazioni di Renzi, che “Sì, insomma, oggettivamente, l’Italia ha svoltato: verso il baratro. Forse il presidente del Consiglio non si rende conto che dietro i freddi numeri ci sono persone che non mangiano pane e riforme, peraltro molto discutibili se restano quelle annunciate e che le riforme, ammesso che siano quelle giuste, sono indispensabili all’Italia, ma da sole non bastano. E’ necessario accompagnarle con azioni credibili per l’aumento della occupazione, una fiscalità di compensazione, il rilancio degli investimenti, una politica industriale nazionale, soprattutto per il Sud. Tutti elementi che erano contenuti nel piano per il Sud avviato dall’ex ministro Fitto, ma poi per lo più eclissatisi al tocco della bacchetta magica di mago Matteo, per la verità in buona compagnia dei suoi predecessori Monti e Letta”.
 
povertà poveri italia 478x317
 
“Si rende conto il signor presidente del Consiglio che oltre due milioni di donne, più di un milione di minori e quasi 600 mila anziani non riescono proprio a sopravvivere?”, continua il senatore, “Da tempo poniamo il problema del lavoro e della necessità di realizzare, insieme ad un grande piano straordinario per l’occupazione, un piano efficace di netto ridimensionamento del carico fiscale”.
 
“La risposta in questi anni è stata solo quella di far finta di abbassare la pressione fiscale, salvo nel concreto aumentare le tasse facendole rientrare dalla finestra con altri balzelli”, conclude, “di mettere qualche pannicello caldo, di distrarre l’opinione pubblica con gli annunci, di produrre riforme peggiorative e leggi di Stabilità canaglia e interventi dai titoli roboanti – da CresciItalia, a SalvaItalia, a Destinazione Italia e così via -  ma poveri di efficacia e prodighi di tasse, riforme peggiorative e di impedire al Parlamento, proseguendo a colpi di fiducia, di poter intervenire con emendamenti correttivi”.
 
(gelormini@afrfaritaliani.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
d'ambrosio lettieriitaliabaratrosudbacchettarenzi
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.