A- A+
PugliaItalia
Discarica di Grottaglie 'Vigiliamo' in allarme

Comunicato di Vigiliamo per la discarica, 16 novembre 2015

DISCARICA DI GROTTAGLIE - NUOVA PROPRIETÀ E FIDEIUSSIONI

Già acquistata dalla municipalizzata lgh, sta per passare alla multinazionale A2A. Ma qualcuno si sta interessando delle fideiussioni o si finirà come la discarica di Lizzano?

*  *  *

Il problema finanziario, strettamente connesso a quello della sicurezza, e notizie recenti ci spingono a rivolgere due domanda al sindaco Alabrese. 

Lo sa che la società Lgh - holding che raggruppa le municipalizzate di Cremona, Crema, Pavia, Lodi e Rovato, e attuale proprietaria della discarica - sta per essere venduta alla multinazionale A2A, colosso energetico di Milano e Brescia?

Quali provvedimenti ha preso o intende prendere per accertarsi che siano state versate, e siano congrue, le fideiussioni necessarie alla gestione e ai 30 anni di post gestione dei tre lotti della discarica, ormai prossimi alla post gestione e all’esaurimento? 

grottaglie discarica
 

Infatti il 23 dicembre prossimo si concluderà la fusione di Lgh con A2A che, per 125 milioni, acquisterà il 51% della municipalizzata che attualmente detiene la proprietà della discarica ex Ecolevante. A quanto si legge nelle cronache locali lombarde, la fusione sarebbe sostenuta da gran parte della maggioranza PD che guida i Comuni interessati, mentre la minoranza parla di “suicidio” e di “svendita” dell’azienda pubblica.

Il cambio di proprietà comporterà anche il cambiamento del quadro direttivo, in quanto l’amministratore delegato con poteri decisionali apparterrà alla multinazionale A2A e non più alla holding Lgh. 

E seri interrogativi cominciano ad essere sollevati sulla legittimità dell’operazione, dal momento che, pur essendo Lgh una società pubblica, la sua vendita sarà effettuata con una trattativa privata e non con una gara ad evidenza pubblica.

Pertanto la domanda sul versamento e la congruità delle fideiussioni previste per legge richiede serie e documentate risposte, che fino ad ora non sono state date né dalla Regione, né dalla Provincia, né dal Comune di Grottaglie, nonostante le reiterate richieste del comitato Vigiliamo per la discarica.

Di certo ci sono alcuni fatti e circostanze che fanno riflettere. Come la sentenza del Tar di Lecce del 5 aprile 2005 che, a seguito del ricorso di Vigiliamo, riconosceva come non congrue le fideiussioni presentate da Ecolevante per il I e II lotto.

Grottaglie Ecolevante
 

Un comunicato del 2008 dell’allora assessore regionale all’ambiente Losappio in risposta ad una interrogazione del consigliere di minoranza Lospinuso, in cui si legge che Ecolevante contesterebbe l’obbligo delle fideiussioni finanziarie, indispensabile per l’esercizio dell’attività (http://www.regione.puglia.it/index.php?at_id=2&page=pressregione&id=4861&opz=display).

E la diffida del maggio 2014 dell’allora dirigente del Settore Ambiente della Provincia, avv. Stefano Semeraro, ai gestori di Ecolevante-Lgh e delle altre discariche della provincia di Taranto, a prestare entro 30 giorni le necessarie fideiussioni.

Queste fideiussioni che la legge prevede sono state presentate? Sono congrue? Non sembrano ci siano risposte soddisfacenti, anzi, sembra che non ci siano affatto risposte.

Ragusa Etta Rinascita Civica
 

Eppure, quanto sta succedendo alla discarica Vergine dopo il sequestro, dimostra che senza fideiussioni per la gestione e il trentennale periodo di post gestione, la discarica diventa una vera e propria bomba ecologica che costituisce gravissimo pericolo per la salute e per l’ambiente. Con enormi conseguenze economiche  per il Comune nel territorio del quale ricade la discarica, il quale sarà costretto a sborsare milioni di euro per la gestione dei gas, del percolato e per la bonifica.

Solo la certezza che ci siano le fideiussioni per “le discariche di Grottaglie”, come sono definiti i tre lotti nel sito di Lgh, possono parzialmente disinnescare la bomba ecologica presente a Grottaglie. 

Quali garanzie in tal senso sono in grado di dare Regione, Provincia e Comune dopo oltre sedici anni dall’entrata in funzione del primo lotto? In questi casi, il silenzio costituisce una gravissima colpa non solo nei confronti degli attuali cittadini, ma soprattutto nei confronti delle future generazioni.

Etta Ragusa

coordinatrice di Vigiliamo per la discarica

e capogruppo consiliare di Rinascita civica-Città attiva

-----------------------------

link giornali lombardi

- 10 novembre, opposizioni insorgono

http://www.cremonaoggi.it/2015/11/10/fusione-lgh-a2a-levata-di-scudi-dellopposizione-galimberti-sta-svendendo-lgh-su-ordine-del-pd/

- 5 novembre, la fusione è un suicidio

http://www.laprovinciacr.it/news/cronaca/128426/-Lgh-A2A--la-fusione.html

 

Tags:
grottaglievigiliamoallarmefidejussionidiscarica
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.