A- A+
PugliaItalia
‘Divina Commedia e Sacra Scrittura’ di Antonio Calisi

Essere Diacono della Chiesa cattolica di rito bizantino vuol dire anche mantenere in vita - soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia - l’antica tradizione basiliana (monachesimo della Regola di S. Basilio), che ha profondamente segnato la storia e l’influenza greco-ortodossa di questi territori, prima della loro scelta - solenne e imperitura - per l’adesione liturgica al rito romano e quella fedele al Papa - Vescovo di Roma.

Calisi cop

Antonio Calisi, insegnante di Religione Cattolica, Dottore in Sacra Teologia, Maestro iconografo secondo la tradizione bizantina, nonché laureato in Scienze Storico-Religiose a ‘La Sapienza’ di Roma, tiene viva questa fiamma: collante indispensabile per il caparbio e stimolante dialogo interreligioso, in particolare con i Patriarchi dell’Area Orientale.

Il suo ultimo lavoro pubblicato, ‘Divina Commedia e Sacra Scrittura’ - Infinity Books, 2021 oltre a contribuire alle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, prova a coniugare la forza del canto e della poesia con la ricchezza del patrimonio culturale prodotto e custodito dalle comunità italiche: entrambi caratteri identitari indelebili per ciascuno dei loro componenti, nobile o volgare che fosse.

Dante

Una sorta di breviario per docenti e di compendio per studenti. Un sussidio moderno, per rendere il viaggio letterario un viaggio anche dentro sé stessi e alla fine ritrovarsi in Dio, dato che Il Sommo poeta ci rivela come vedrà ‘pinta’ in Dio l’immagine dell’uomo.

Un viaggio che ovviamente si articola attraverso i passaggi e i personaggi cruciali delle tre cantiche, che nell’Inferno fa perno sulle due figure di Enea e dell’Apostolo Paolo: protagonisti dell’antichità classica e di quella cristiana, il cui viaggio nell’oltretomba porta il primo (eroe virgiliano) ad incontrare il padre Anchise e il secondo ad essere accecato o abbagliato dall’inenarrabile. Una sorta di anteprima di quello che succederà a Dante stesso nel suo percorso verso l’Empireo.

Tra gli incontri in Purgatorio, a risaltare è la figura di Davide scelto per l’indole umile che lo caratterizzava, nonostante fosse il capostipite di una stirpe regale, e per la sua passione di ‘cantore’, portato quindi ad esaltare quella in comune con l’esule fiorentino: la poesia.

enea 1

L’approdo nella cantica del Paradiso vede l’arrivo sulla scena di Bernardo di Clairvaux, fondatore dell’omonima Abbazia, appartenente all’ordine monastico dei cistercensi e Dottore della Chiesa. A lui Dante sarà affidato, per percorrere l’ultimo tratto verso la Rosa mistica, dopo la guida prima di Virgilio e poi di Beatrice.

Sarà Bernardo di Clairvaux a invocare la mediazione della Vergine Madre, con la celeberrima preghiera ‘Vergine Madre figlia del tuo Figlio”, l’endecasillabo che apre il XXXIII e ultimo canto del Paradiso. Un’intercessione che ci ha portato a chiedere all’autore quanto, velatamente femminile, sia la metafora della colomba nella stessa immagine di una Trinità, in apparenza tutta al maschile.

Peristeria alata 1

“La colomba e la sua immagine iconografica, in effetti - sottolinea Antonio Calisi - traggono origine dalla Sacra Scrittura: dallo ‘spirito’ che aleggiava sulle acque già durante la Creazione, al ritorno dopo il diluvio all’Arca di Noè col ramoscello d’ulivo nel becco; fino alla sua apparizione al Battesimo di Gesù. La colomba che l’iconografia cristiana ha associato allo Spirito Santo, che nell’Antico Testamento rappresentava un’entità femminile come la Divina Sapienza, capace - all’origine del mondo - di creare tutto ciò che esiste”.

Calisi3

Sono più di un migliaio i riferimenti biblici nella Divina Commedia della Sacra Scrittura, la “divina auctoritas” come la chiama il Sommo Poeta, a testimonianza della familiarità medievale con quei testi. Per cui, risultano frequenti le terzine che sottintendono episodi o personaggi biblici, e ricorrenti i modi di esprimersi secondo i canoni dei Testi Sacri.

Anche per questo, secondo l’autore, è importante “Che gli studenti conoscano – come gli Dei di Omero - il Dio della Sacra Scrittura, perché essa è come un prisma attraverso cui ci è possibile comprendere la nostra realtà”.

(gelormini@gmail.com)

Video e foto a cura di Arcangelo Pellegrino

Commenti
    Tags:
    divina commedia sacra scritturaantonio calisirito bizantino diacono chiesa cattolica costantinopoli roma
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Cambio al vertice dei Lions Lecce
    Libertà di pensiero e discriminazione: che cosa dice davvero il Ddl Zan
    di Avv. Francesca Albi*
    Covid, l’emergenza come pretesto per annientare le democrazie dall'interno
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.