A- A+
PugliaItalia
Emiliano e il Patto di stabilità Fronte comune Sud per reagire

Per il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, “il patto di stabilità non può essere un modo per asfissiare il ruolo delle Regioni e avere meno intralci”. “Il patto di stabilità - dichiara Emiliano - è un meccanismo recessivo che frena la ripresa economica. Abbiamo il Quantitative easing, abbiamo il patto Junker per le imprese, ma ci teniamo il patto di stabilità che è un meccanismo che impedisce a Regioni con i conti a posto e soldi da spendere, anche di cofinanziare i fondi strutturali”.

video mediaset legge stabilità
 
“È chiaro che questa operazione italiana - sottolinea Emiliano - va declinata in modo diverso. Non può essere un sistema per togliere peso alle Regioni senza dichiararlo. Perché questa è la nostra preoccupazione: che qualcuno pensi di asfissiare lentamente il ruolo delle Regioni dal punto di vista finanziario per avere meno intralci al momento delle decisioni più importanti”. Inoltre Emiliano sostiene che serve un coordinamento delle regioni del Mezzogiorno, in quanto il “riscatto del Paese passa da qui”.
 
“Il coordinamento delle Regioni del Mezzogiorno è una cosa sulla quale noi siamo sempre stati molto prudenti, perché la Costituzione non lo prevede tecnicamente; se abbiamo capito bene il governo non lo gradisce, quindi vorremmo evitare di indispettire il governo ma vogliamo evidentemente fare quello che il Nord fa già da tempo: arrivare nei momenti decisivi della legge di Stabilità, nelle decisioni più importanti in materia sanitaria, di bilancio dello Stato, con una politica comune tra le Regioni del Mezzogiorno”.
 
Emiliano Presidenza RP
 
“Questo significa - spiega Emiliano - soprattutto dialogare meglio e in maniera più informata e completa tra di noi ed evitare che le nostre debolezze, che sono obiettive, si riflettano poi sulle decisioni del governo, perché spesso il governo è portato a dare più importanza alle regioni forti del Nord e meno rilievo al nostro punto di vista. Invece noi pensiamo, che per il riscatto del Paese, anche economico, il Mezzogiorno sia essenziale e dunque nel momento in cui ci coordiniamo tra eguali senza coordinatori, ognuno di noi è gregario”.
 
Per Emiliano “deve essere chiaro questo punto, nel momento in cui facciamo questo lavoro, lavoriamo per l'Italia, non solo per noi stessi. E questo passaggio credo sia il modo in cui anche questa perplessità del governo sul Mezzogiorno che ragiona unito, possano venire meno”.

Comunque sulla legge di stabilità, il giudizio “complessivo" di Emiliano è "positivo". Per Emiliano “l'idea di diminuire le tasse è il sogno di ogni amministratore. Se ognuno di noi riuscisse a diminuire la pressione fiscale sarebbe contento. Il problema - rileva Emiliano - è spiegare ai cittadini che, se si diminuisce la pressione fiscale, bisogna trovare il modo di risparmiare il denaro perché bisogna lasciare i servizi essenziali intatti”.
Tags:
emilianosudpattostabilitàmezzogiorno
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
di Dott. Francesca Albi *
Migranti, "porti aperti" dicono i nuovi schiavisti supportati dalla sinistra
Di Diego Fusaro
La comunicazione politica influenzata dal populismo degli elettori
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.