A- A+
PugliaItalia
Festival della Valle d'Itria: la Francesca da Rimini di Saverio Mercadante

Opera elegante, in prima rappresentazione mondiale, nel Palazzo Ducale di Martina Franca. Il Festival della Valle d’Itria, presenta questa opera di Saverio Mercadante, musicista pugliese dell’ottocento, con regia, scene e costumi di Pier Luigi Pizzi e coreografie di Gheorghe Iancu.

Fran1
 

La scena è vuota, i duetti sono intensi, gli abiti sollevati dal vento come i teli di accesso alla scena, che si alzano in aria affascinanti e sinistri. Il balletto nell’alternanza del bianco e del nero dei costumi, definisce il romanticismo di momenti che hanno come forza solo le parole ed i gesti degli interpreti e l’unica nota di colore è l’abito rosso di Francesca, che sembra riassumere la passione ed il sangue della morte.

Il ritorno dopo venti anni di Pier Luigi Pizzi, a dirigere un’opera per il Festival della Valle d’Itria, è evento di grande risonanza come lo sono le sue parole, quando intervistato sulla sua attenzione per il barocco, riscoperto e valorizzato, racconta del suo ascoltare l’opera infinite volte sino a non avere più bisogno dello spartito durante le prove, e del suo usare la musica per creare l’atmosfera dell’opera in base allo spazio in cui essa verrà recitata.

Fran3
 

Nasce così la prima rappresentazione, nell’edizione critica di Elisabetta Pasquini, della storia di Paolo e Francesca, da Dante portati nell’inferno, ma che coinvolge e suscita sentimenti profondi per l’amore di questa donna costretta ad un matrimonio non voluto, e che in Paolo trova la passione e la vera unione.

Anche Dante, prova pietas per questa donna adultera, che ama così profondamente da volere la morte insieme al suo amore, e lo spettatore odierno resta preso da questa opera che pur nella sua lunga durata, coinvolge ed appassiona.

Fran2
 

Il coro della Filarmonica di Stato “Transilvania” di Cluj-Napoca con la direzione di Cornel Groza, ha una presenza importante e definisce la scenografia di spazi grandi e vuoti. Il balletto a due è di grande bellezza e definisce uno dei momenti più romantici dell’opera, che ha per direttore dell’orchestra Fabio Luisi, e fra i suoni una forte presenza musicale dell’arpa che rende intensa ogni scena.

Un’opera, che dopo i disguidi che ne proibirono la messa in scena, per vari intrighi e traversie raccontati in maniera romanzesca, finalmente vede la messa in scena grazie al Festival della Valle d’Itria.

Tags:
festival valle d'itria francesca da riminifestival valle d'itria saverio mercadante valle d'itria
Loading...
i blog di affari
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
PROGETTI PER CARCERI, GIUSTIZIA, VOLONTARIATO, CINEMA, DONATORI SANGUE
Boschiero Cinzia
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.