A- A+
PugliaItalia
FI, Gasparri impallina Amoruso: “Scelta dettata da interessi e consulenze”

Bari – Il terremoto interno a Forza Italia irrompe in Aula, in piena battaglia sulle Riforme. Il passaggio dell’ex aennino pugliese Francesco Amoruso tra le fila dei verdiniani non poteva avvenire nel silenzio. A stigmatizzare formalmente i cambi di campo in corso - non ultimi quelli del campano Domenico Auricchio e dell'ex-ministro dell'Agricoltura, Francesco Saverio Romano - era stato in mattinata il capogruppo forzista Paolo Romani, ma è stato un altro ex aenne del calibro di Maurizio Gasparri a sparare ad alzo zero all’indirizzo dell’ex compagno di partito biscegliese, del quale è stato a lungo riferimento nazionale. “Vorrei che restasse agli atti del Senato - mi assumo la responsabilità di quello che dico - che il suo passaggio, come quello di altri, non è dovuto a sofferenze culturali; ad Amoruso del patto del Nazareno, a cui ha dedicato una nobile dichiarazione l'altro ieri, non gliene è mai fregato niente”, sbotta l’ex Ministro, “gli interessavano le consulenze per i familiari. Voglio che resti agli atti del Senato della Repubblica il comportamento miserevole”.

sen. francesco amoruso 1999202 0x410
 

Una requisitoria durissima, uno schiaffo in pieno viso che segue il tentativo in extremis di riconciliazione, esperito quando i rumours già davano l’ex coordinatore pugliese in uscita dal partito. Un vertice lampo con il Cavaliere nella Capitale e poi le barricate contro il segretario nel Tacco, Gino Vitali, reo di aver attribuito i malumori del collega alla recente sostituzione alla guida degli azzurri e riconfermato sulla tolda di comando dallo stesso Berlusconi, smentendo le voci che volevano il turese Boccarsi al suo posto. Non è servito né è bastato ed Amoruso ha fatto ugualmente i bagagli, per trasferirsi nella pattuglia dell’ex braccio destro berlusconiano: “Io pure credo alla famiglia, difatti mi batto per essa in 2a Commissione, ma per la famiglia composta da padre e madre, quella astratta, che è il principio della società, e non per la mia famiglia e per i suoi interessi presunti e reali”, ha affondato il colpo Gasparri, “Qualcun altro, educato ai valori della famiglia, ha pensato alla propria e ne risponderà alla sua coscienza. Ma chiudo qui la parentesi, in modo che, poi, il senatore Amoruso, che viene da una militanza politica, avrà ragione di vergognarsi del suo comportamento”.

È l’epilogo violento e plateale di un rapporto non solo politico, che aveva visto i due fianco a fianco ancora a Giovinazzo, nel consueto meeting annuale dedicato agli scenari del centrodestra. Il primo senza Raffaele Fitto, evidentemente l’ultimo con il senatore della Bat in prima linea dalla stessa parte. A fare quadrato attorno al nuovo arrivato sono proprio i verdiniani, che ora chiedono le dimissioni di Gasparri dalla vicepresidenza di Palazzo Madama e annunciano una mozione di sfiducia: “Gasparri adombra che Amoruso sia stato ispirato dalla tutela di interessi familiari. Se questo è vero, tali interessi erano preesistenti e coltivati nei molti anni in cui lo stesso Amoruso militava nelle file del partito di Gasparri, di cui si dichiarava stretto collaboratore. Riteniamo inconciliabile che egli possa rappresentare il Senato e tutti i senatori allorquando, per meschino calcolo, ne oltraggia e ne disconosce le prerogative costituzionali”, mandano a dire. Volano gli stracci. E davanti a tutto il Senato vale doppio.

(a.bucci1@libero.it)

Tags:
amorusofigasparridimissioniverdiniconsulenze
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.