A- A+
PugliaItalia
FI, prove di accordo. Ricostruttori: “Quindici posti o rottura”

Bari -  Prove tecniche di accordo tra gli azzurri ma l’aria non è delle migliori e a tenere banco sono ancora le liste: “Abbiamo chiesto quindici candidati su cinquanta nella regione. Riteniamo sia il minimo della rappresentanza. Non vedo come si possa dire di no a una richiesta di questo genere”, manda a dire Antonio Distaso – già vicecoordinatore e fedelissimo di Raffaele Fitto - dal meeting dei Ricostruttori nel capoluogo. Nessun veto sull’intera pattuglia uscente dei forzisti in Via Capruzzi e una presa di posizione pubblica da parte del partito; diversamente la rottura non sarà scongiurata, con Francesco Schittulli a metà del guado e costretto a scegliere da che parte stare. Lo stesso oncologo, peraltro, avrebbe incassato come duro affronto le dichiarazioni del coordinatore azzurro, Gino Vitali, circa la possibilità di nomi alternativi al suo.

Profilo accademico, si dice dell’eventuale outsider, accompagnandolo ai nomi di Rosario Polizzi o di altri medici di rango, ma il plenipotenziario berlusconiano garantisce – dalle telecamere di Telenorba - che l’ipotesi rappresenterebbe solo una promozione in extremis degli stessi e che Schittulli possa continuare a tenere le redini della coalizione. I nodi, in compenso, restano avviluppati e, dagli stessi microfoni, tocca a Nuccio Altieri prendere di petto la questione: “Se mi voglio candidare io, da parlamentare di FI, posso farlo? Il capogruppo di Forza Italia, in un paese normale e dopo cinque anni di opposizione al governo Vendola, dovrebbe essere il capolista. Non è più tempo di Santa Inquisizione”, provoca l’ex vice del Presidente Lilt alla Provincia, citando il veto posto dal neosegretario sulla riconferma di Ignazio Zullo, come anche del leccese Mazzei. “Se ti vuoi candidare, il posto in lista c’è, così vediamo quanti voti prendi, per chi non me lo chiede non c’è. Un capogruppo che non divulga l’invito di colloquio inviatogli ai colleghi e si rifiuta di incontrare il segretario, è il capitano di una squadra che prende a calci l’arbitro e deve andare fuori dal campo”, replica a stretto giro Vitali, “Io ero fittiano perché Fitto era berlusconiano e resto berlusconiano ancora oggi”.

La settimana si annuncia decisiva, non fosse altro per i tempi stretti: “L'obiettivo prioritario è il raggiungimento di una intesa che punti a superare le attuali distinzioni, entro giovedì si attende una decisione finale e l'opzione della candidatura di Fitto è l'ultima”, spiega il tarantino Gianfranco Chiarelli, fresco di sostituzione in Commissione Giustizia, causa gli strali indirizzati platealmente allo stato maggiore nazionale. Poi aggiunge: “Nel caso, non sarà una scelta ma una inevitabile conseguenza”.

(a.bucci1@libero.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ricostruttorifivitalifittodistasoaccordoliste
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.