A- A+
PugliaItalia
Foggia, torna la lirica 'Andrea Chenier' nel 150° della nascita di U. Giordano

La città di Foggia torna a ospitare la lirica, dopo 15 anni, celebrando i natali di Umberto Giordano, che qui nacque il 28 agosto 1867. Le celebrazioni sono organizzate dal Comune di Foggia in collaborazione con il Conservatorio “Umberto Giordano”, l’Accademia di Belle Arti, l’Università di Foggia e la Fondazione Banca del Monte di Foggia e la Fondazione “Apulia Felix”. Col sostegno di Amiu Puglia - servizi e tecnologia per l’ambiente, e del Teatro Pubblico Pugliese.

Giordano umberto diari2
 

Al teatro che porta il suo nome, Teatro Giordano, due le opere in programma per il 150esimo anniversario della nascita del grande compositore. Andrea Cheniér in programma il 24 (ore 21.00) e 26 marzo (ore 18.30) con la direzione del Maestro Massimiliano Stefanelli e Giove a Pompei, il 5 e 7 maggio 2017. Giove a Pompei, rappresentata l’ultima volta nel 1921, sarà diretta da Gianna Fratta.

Per le celebrazioni del centocinquantesimo anniversario della nascita di Umberto Giordano è stato costituito presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo il comitato tecnico scientifico che avrà il compito di coordinare e promuovere le iniziative culturali previste. Il comitato è presieduto dal Sindaco di Foggia, Franco Landella, e composto dall’Assessore comunale alla Cultura, Anna Paola Giuliani, dal Dirigente del Settore Cultura del Comune, Carlo Dicesare, dal direttore del Conservatorio “Umberto Giordano”, Francesco di Lernia, dal Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Foggia, Eva Belgiovine, dal Prorettore dell’Università degli studi di Foggia, Giovanni Cipriani, dal Presidente della Fondazione Banca del Monte di Foggia, Saverio Russo, dal Presidente della Fondazione Apulia Felix, Giuliano Volpe, dalla pianista e direttrice d’orchestra, Gianna Fratta, dallla Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Barletta-Andria-Trani e Foggia, Simonetta Bonomi, da Enrico Sannoner dell’Associazione Amici della Musica di Foggia e dal musicologo Guido Salvetti. Coordinatore artistico delle celebrazioni: Dino De Palma.

In contemporanea va avanti il progetto “Il Teatro ha Classe”, l’iniziativa d’inclusione sociale del Comune di Foggia, Assessorato alla Cultura, dedicata alle scuole superiori. Si tratta di una sperimentazione per valorizzare la funzione sociale della cultura e dei luoghi della cultura a Foggia, nonché per avvicinare i giovani foggiani e le scuole al teatro e alla sua storia, che è la storia di Foggia. I ragazzi delle scuole che hanno aderito al progetto, potranno assistere, in via esclusiva, alle prove generali delle prime due opere del grande compositore foggiano;

giordano diari
 

Anche la Città di Bari, in qualche modo, si accoda alle celebrazioni del compositore dauno: la giunta comunale, proprio in questi giorni, ha approvato il progetto preliminare per il recupero e la valorizzazione del lungomare Starita e Umberto Giordano, per un importo complessivo di 2.500.000 euro. Gli interventi previsti riguarderanno la zona fronte mare a nord del quartiere San Cataldo, dal Cus fino all’incrocio con viale Paolo Pinto.

Andrea Chénier - si legge nelle note di regia di Alberto Paloscia - segna una delle tappe più alte del verismo in musica; Giordano risponde al naturalismo al calor bianco di Cavalleria rusticana di Mascagni - titolo di esordio del filone della “Giovine Scuola Italiana” - e a alla poetica intimista della Bohème di Puccini con un sapiente e calibratissimo giuoco musicale e teatrale, imperniato su un profondo e perfetto connubio tra voci, orchestra e palcoscenico. La lezione dell'ultimo Verdi - quello di Otello e Falstaff -, dell'opera francese del secondo Ottocento - in particolare di Bizet e Massenet -, la lezione dell'opera russa e di Musorgskij, particolarmente evidente nel protagonismo del coro e nel magistrale trattamento delle masse corali: tutto questo viene risolto ed equilibrato dalla mano sopraffina del compositore pugliese con un sapiente dosaggio delle sue capacità di orchestratore e di melodista, con il  gusto - tutto giordaniano - del “montaggio sonoro” che ha non pochi punti di contatto con la nuova forma di spettacolo, che vede la luce proprio alla fine degli anni Novanta dell'Ottocento, quasi contemporaneamente alla gestazione di Chénier: il cinema.

DIRETTORE D'ORCHESTRA Massimiliano Stefanelli (Large)
 

Dramma di ambiente storico in quattro quadri, libretto di Luigi Illica, Maestro concertatore e direttore, Massimiliano Stefanelli, regia Alberto Paloscia, Scene Alfredo Troisi, costumi Artemio Cabassi. L’Orchestra è del Conservatorio Umberto Giordano di Foggia, il Coro Lirico Pugliese con Direttore del Coro Agostino Ruscillo. Andrea Chénier sarà interpretato da Stefano La Colla, Carlo Gérard da Elia Fabian, Maddalena di Coigny da Cristina Piperno (che canta “La mamma morta”, 1896, aria resa celebre anche dal film Philadelphia, di Jonathan Demme, pluripremiato agli Oscar, con Tom Hanks, interpretata da Maria Callas), La mulatta Bersi da Sofio Janelidze, Madelon e la contessa di Coigny da Angela Bonfitto, Roucher e Fouquier Tinville da Daniele Piscopo, Pietro Fléville, romanziere e il sanculotto Matthieu da Matteo D’Apolito; un «Incredibile» e l’Abate, poeta da Cataldo Caputo e infine Schmidt, il maestro di casa e Dumas da Carlo Agostini.

MADDALENA DI COIGNY (soprano) Cristina Piperno
 

Cristina Piperno, soprano, inizia la sua carriera solistica nel 2003 come protagonista di opere quali, Butterfly, Andrea Chenier, Tosca e Turandot, quest’ultima nella parte della Principessa di gelo, un ruolo che ricoprirà molte volte in grandi teatri nazionali ed esteri tra cui: Arena di Verona, Palm Beach Opera, Art Center Seoul, San Carlo di Napoli, Teatro lirico di Cagliari. Ha eseguito ruoli anche in Manon Lescaut (Teatro dell'Opera di Roma, Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Goldoni di Livorno) nella Gioconda (Teatro St-Etienne), in Cavalleria Rusticana e Tabarro (Teatro V. Emanuele Messina), nell’Aida (Festival opera Firenze), nel Macbeth ( Teatro Verdi Salerno) e nell’Andrea Chenier (Opera  Royal de Wallonie Liege, Teatro Ponchielli Cremona).Ha lavorato con direttori di fama internazionale quali, Z.Metha, D. Oren, P.Steinberg, D.Renzetti, B.Aprea, K.Martin e registi quali,  D.Krief, J.L.Grindà, M.Mirabella, E.Stinchelli.

ANDREA CHÈNIER (tenore)Stefano La Colla (Large)
 

Stefano La Colla, tenore, vincitore del concorso Puccini di Torre del Lago, dopo uno straordinario debutto nel 2008 in Aida al Teatro Goldoni di Livorno,  prosegue  la sua esperienza artistica nei  teatri di tradizione di numerose città italiane .La sua carriera internazionale ha inizio nel 2011 con Turandot a Ratisbona (Regensburg) e in seguito nei più grandi teatri europei, quali Deutsche Oper di Berlino con Tosca, Manon Lescaut e Turandot ; Staatsoper di Monaco con Tosca; Teatro S. Carlo di Napoli con Turandot, Tosca e Aida ; Teatro dell’Opera di Roma con Tosca ; Teatro alla Scala di Milano con Turandot e Cavalleria Rusticana , Staatsoper di Amburgo con Un ballo in maschera; Staatsoper di Berlino con Madama Butterfly ; Arena di Verona con Aida.

LA CONTESSA DI COIGNY e MADELON (mezzosoprano) Bonfitto Angela
 

Apertura straordinaria del bottegino del Teatro Umberto Giordano lunedì 20 marzo10:00 - 12:00, martedì 21 marzo 10:00 - 12:00/16:00 - 18:00; mercoledì 22 marzo19:00 - 21:00; giovedì 23 marzo; 10:00 - 12:00/16:00 - 18:00; venerdì 24 marzo 10:00 - 12:00/19:00 - 21:00; domenica 26 marzo 16:00 - 18:00. Info Teatro Giordano Foggia - Piazza C. Battisti 0881 792908; www.teatrogiordano.it;  facebook teatroumbertogiordano; twitter teatro_giordano; instagram; teatro_giordano

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
foggia lirica nascita 150umberto giordanoandrea chenierteatro giordano puglia
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.