A- A+
PugliaItalia
Food Summit Puglia: Innovazione, Tracciabilità e Formazione Consumatori
DSC 0150 (1)

Il Teatro Petruzzelli di Bari ha accolto figure chiave del panorama agroalimentare nel Food Summit Puglia. Un evento che ha toccato vari temi, dall'innovazione alla sostenibilità, e ha messo in evidenza i dati incoraggianti del settore nella regione.

DSC 0125 (1)DSC 0125 (1)Guarda la gallery

I numeri parlano da soli: nonostante un calo generale dei consumi a livello nazionale, la Puglia sfoggia una resilienza impressionante. Una ricerca di NIQ ha evidenziato che l’olio d’oliva pugliese, ad esempio, ha visto un incremento di vendite del +31,4% nei supermercati e ipermercati, superando notevolmente la media nazionale.

Allo stesso modo, prodotti come mozzarella, pasta, pane e conserve di pomodoro hanno mostrato una crescita vigorosa, rafforzando l'idea della Puglia come fulcro dell'eccellenza agroalimentare. Se la tracciabilità tecnica e in blockchain è stata una delle tematiche calde, un concetto emergente ha attirato molte attenzioni a margine del summit: la tracciabilità territoriale.

DSC 0166 (1)DSC 0166 (1)Guarda la gallery

Qui l’azienda Fiordelisi srl di Stornarella (Fg), con il supporto di localtourism.it (una piattaforma digitale di promozione territoriale), ha brillato, proponendo una visione dove i consumatori possono collegarsi direttamente alle origini territoriali dei prodotti attraverso un qr-code presente sulle confezioni dei loro prodotti.

Una novità nel panorama, che ha suscitato grande curiosità. L'importanza della collaborazione tra impresa e università è stata enfatizzata con l'annuncio del progetto Agrifood Hub a Corato, previsto per il 2025. Una sinergia che promette di portare innovazione e ricerca alcentro dell'agroalimentare pugliese.

Tipicità-PugliaTipicità-PugliaGuarda la gallery

Tra i partecipanti di spicco al summit, oltre all'Assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci, abbiamo avuto figure di rilievo come Pasquale Casillo, Lucia Forte, Michele Andriani, Giovanni D’Ambruoso, Vincenzo Divella, Gianmarco Laviola, Grazia De Gennaro, Grégoire Kaufman e Annalucia Macripò. Il Food Summit Puglia non solo ha delineato il presente luminoso del settore nella regione, ma ha anche tracciato le rotte per un futuro promettente e innovativo.

----------------------- 

Pubblicato sul tema in precedenza: Food Summit Puglia: frenano i consumi, ma tiene la domanda di prodotti tipici

Iscriviti alla newsletter
Tags:
food summit puglia innovazione tracciabilità formazione consumatori localtourism fiordelisi stornarella capitanata foggia








Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.