A- A+
PugliaItalia
Forum Bambini e Mass Media Raccontare le persone e la verità

Il mondo della comunicazione finalmente decide di fermarsi a riflettere sul rapporto media/bambini alla ricerca della bellezza e dello stupore da trasmettere ai più piccoli. Creare palinsesti che vedano il pubblico delle "persone in età minorile" come una opportunità per sperimentare oasi di creatività nel rispetto della "grammatica dell'infanzia"....perché le parole sono un qualcosa da maneggiare con cura".

Forum Bambini UCSI3
 

“Siamo persone che non comunicano a persone; preferiamo una comunicazione dedicata alla massa, dimenticando che questa è fatta di singole persone”. Lo ha detto Enzo Quarto, presidente regionale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana e portavoce del “Forum Bambini e mass media”, tenutosi a Bari, in prima assemblea nazionale, sul tema “La Lettera di Bari: ascoltare e comunicare per costruire bellezza”, organizzata dalla stessa Ucsi e da numerose istituzioni regionali.

Forum Blasi
 

“Dal monitoraggio su media e minori condotto dal Corecom Puglia il dato più interessante è che, nella fascia protetta, la maggior parte delle emittenti televisive trasmette quasi esclusivamente pubblicità”, ha detto Felice Brasi, presidente regionale del Corecom.

Forum Bellino
 

Francesco Bellino, docente di Etica della comunicazione all’Università di Bari, ha messo in evidenza come: “La fascia protetta non deve solo essere quella in cui astenersi dal trasmettere alcuni tipi di programmi, ma l’occasione per programmare un palinsesto di qualità. Oggi viviamo in un clima ‘verofobo’, in cui confondiamo l’interpretazione con i fatti”, ha precisato, mentre “l’ideale regolativo della comunicazione è la verità". Perchè "Raccontare la realtà significa raccontare le singole storie delle persone”.

Per Anna Oliverio Ferraris, docente di Psicologia dello sviluppo nell’Università La Sapienza di Roma, che ha fatto pervenire la sua relazione: “Ci troviamo di fronte ad una totale deregulation” sia per le pubblicità che per la fruizione televisiva dei vari programmi. “Se negli anni Ottanta e Novanta gli educatori e, soprattutto, gli esperti in psicologia dell’età evolutiva venivano consultati periodicamente dalla Rai - quando questo servizio pubblico pianificava la messa in onda di un nuovo programma per ragazzi-  questa consuetudine si è persa a favore delle cosiddette leggi del mercato”, ha aggiunto. Per riportare i bambini a una vita sana e adatta alla loro età occorre “tenerli lontani dallo schermo casalingo nei primi tre anni di vita”, “non abbandonarli a un consumo indiscriminato di programmi e di pubblicità”, offrire alternative ai bambini come i giochi e le attività all’aperto.

Forum Loizzo Melodia
 

“In passato, i mezzi di comunicazione sentivano l’esigenza di mettersi in contatto con i ragazzi, oggi non più”, ha detto Andrea Melodia, presidente nazionale Ucsi. E riferendosi alle regole deontologiche dei giornalisti, ha aggiunto che queste “vanno capite, interiorizzate e trasformate in comportamenti etici”.

Forum Maurogiovanni
 

A tal proposito, Anna Montefalcone, centro Studi Apulia Film Commission, ha voluto segnalare che: "E' fondamentale che le istituzioni preposte e le agenzie formative si assumano il compito di promuovere il pensiero critico, soprattutto verso i bambini e gli adolescenti, affinché sappiano operare scelte di gusto, autentiche e autonome".

A farle eco Elvira Maurogiovanni - insegnante - che ha posto l’accento sull’attività-aboratorio nel quartiere San Paolo a Bari, per farne un quartiere di buone notizie: “Nel Laboratorio della Buona Notizia sono i ragazzi a scegliere come dire, quindi non solo scrivono, ma fotografano, riprendono disegnano. Studiando i mass media si impara a darsi il tempo, la lentezza intelligente dell'apprendere e comprendere: la notizia deve sedimentare dentro il ragazzo, che deve non solo capire, deve elaborare la sua emozione, deve farla diventare opinione”.

Il sigillo finale al forum può benissimo essere quello indicato ancora nella relazione della professoressa Oliverio Ferraris  "...Se il programma è inzeppato di spot si può scegliere un video adatto ma ripulito dagli spot. Bisogna essere consapevoli che nelle pubblicità si nascondono messaggi che vanno ben al di là del prodotto reclamizzato: possono riguardare lo stile di vita, le scelte sentimentali, i ruoli familiari, i rapporti tra genitori e figli e tra coetanei ecc. sono messaggi che non vengono inviati allo spettatore in forma diretta ma indiretta e come tali hanno un loro subdolo potere perché non vengono analizzati razionalmente ma assorbiti inconsapevolmente".

(gelormini@affaritaliani.it)

-----------------------------

Pubblicato sul tema: Forum 'Bambini e mass media' 1^ ediz. Affaritaliani.it aderisce - La Lettera di…

                          questio urgente e primaria (di Enzo Quarto)">"Bambini e Mass Media" questio urgente e primaria (di Enzo Quarto)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
forumquartobellinoveritàbambinimass mediacorecom
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.