A- A+
PugliaItalia
Giornata 2015, Libere dalla violenza Le donne fanno fronte comune

La Giornata 2015 contro la violenza sulle donne, che ricorre ogni 25 novembre, è occasione di riflessione per la  presidente della Consulta regionale femminile pugliese Anna Maria Carbonelli Quaranta.

Giornata donne 2015
 

“Libere dalla violenza. Il tema è quanto mai attuale e scottante. Le Istituzioni, gli Organismi di Parità e le Associazioni, condividono da tempo un forte impegno per prevenire, sensibilizzare e contrastare il tema della violenza sulle donne e sui diritti umani di tutti gli individui per la protezione della vita e della libertà delle donne".

"Rappresenta un fenomeno sociale di grande dimensioni ed è necessario mettere in pratica interventi strutturali a sostegno della centralità della Donna nella società e nell’ambito familiare, seguendo i modelli europei più avanzati e all’avanguardia, dove l’integrazione socio-lavorativa femminile rappresenta un dato di fatto incontrovertibile e riconosciuto, secondo quanto prescritto dalle direttive di Bruxelles".

"Molestie e violenze albergano in ogni ambito sociale e molto spesso nel chiuso della “Famiglia” si subisce la violenza in vari modi: fisica, economica, psicologica, persecutoria (stalking)".

giornata violenza donne
 

"È fondamentale l’aspetto culturale: occorre aprire una discussione nelle scuole di ogni ordine e grado, con approfondimenti tematici per incidere nella educazione alla non violenza e al rispetto della dignità umana e in particolare alla differenza di genere".

"La Consulta regionale femminile ha spesso dibattuto sul tema della violenza sotto l’aspetto giuridico e sociale. Bisogna prevenire questo disastro e aiutare con interventi sistematici di Regione e Comune il fenomeno della violenza contro le donne e i minori, potenziando la rete dei servizi e il funzionamento delle equipe integrate multidisciplinari".

"Anche così - conclude Carbonelli Quaranta - potremo prevenire adeguatamente la violenza e contribuire a cancellare dalla nostra società il cosiddetto “femminicidio”.

IMG 8694
 

A tal proposito, il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, ha voluto testimoniare sensibilità e impegno: "Dal 2000, la Giornata internazionale contro la violenza alle donne deve riportarci a riflettere su una realtà da estirpare dalla società civile, in tutti i continenti e in tutti gli Stati. Ci auguravamo che dopo la risoluzione ONU del 17 dicembre 1999, il nuovo millennio si aprisse all’insegna di una progressiva riduzione di un fenomeno odioso e doloroso".

"Leggere invece oggi l’ultimo Rapporto delle Nazioni Unite - sottolinea Loizzo - fa impressione: solo 119 Paesi hanno adottato leggi sulla violenza domestica e 125 sulle molestie sessuali. Un terzo (il 35%) delle donne nel mondo ha subito una violenza fisica o sessuale, dal partner, da congiunti o estranei. A brutalità e aggressioni, si aggiunge un contesto lavorativo che ancora  vede le donne subire trattamenti economici inferiori ai colleghi maschi (dal 90% al 70% in meno)".

"Ecco perciò che il 25 novembre deve diventare il momento della più attenta riflessione - conclude il presidente Loizzo - ma ogni giorno dobbiamo continuare a interrogarci e impegnarci contro questi corto circuiti delle nostre società, della vita di relazione, del rapporto uomo-donna, perché la cronaca registra continuamente episodi inaccettabili che vedono vittime anche in Italia donne, ragazze e nel mondo perfino bambine. Abusi, violenze, molestie e femminicidi non devono fare più parte del nostro quotidiano".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donnegiornataviolenzaconsultafronte
i blog di affari
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.