A- A+
PugliaItalia
Giustizia Stefàno: 'Rischio di politicizzare la Consulta'
"Attribuire alla Consulta le decisioni in materia di arresti dei parlamentari rischierebbe inevitabilmente di trascinare il supremo organo di garanzia nella polemica politica. Insomma, il rimedio proposto dal ministro Orlando rischia di essere peggiore del male temuto. Il tema, piuttosto resta quello di chiarire definitivamente e meglio, su cosa debba incentrarsi la valutazione di Giunta e Parlamento, ovvero cosa realmente debba intendersi per "fumus persecutionis", evitando che la discussione parlamentare tracimi in ambiti e aspetti di natura squisitamente processuale". E' il commento del Presidente della Giunta delle Elezioni e Immunità del Senato, Dario Stefàno alle dichiarazioni rilasciate dal Ministro della Giustizia, Andrea Orlando
palazzo consulta ape
 
 
"La proposta del ministro Orlando - prosegue Stefáno - ripropone un'opzione che la dottrina richiama da almeno quindici anni, spesso in coincidenza di discussioni pubbliche su decisioni adottate dal parlamento, guardando alla terzietà della Consulta come possibile soluzione al problema della libertà di un parlamentare".
 
"Spesso, però, quando la discussione è emotiva e frettolosa, si finisce per pensare a un rimedio peggiore del male tanto più se quel rimedio è funzionale ad un accordo. Quella proposta sarebbe, quindi, una soluzione addirittura peggiore della tradizionale autorizzazione parlamentare a procedere ai suddetti atti restrittivi, in quanto da un lato permarrebbe la sottrazione dei relativi poteri all’autorità giudiziaria (e quindi rimarrebbe la deroga al principio di uguaglianza) e dall’altro lato "inquinerebbe" l’attività del supremo organo di garanzia nel nostro ordinamento costituzionale, che verrebbe gettato nell’agone politico. Per dare un’idea di questo, sarebbe sufficiente immaginare se ad esempio la Consulta fosse stata chiamata a decidere sulle più recenti richieste di custodia cautelare a carico di parlamentari.

"D'altronde - conclude - non è casuale che i Costituenti del 1948, così come quelli del 1993, dopo i fatti di Tangentopoli, abbiano lasciato questa funzione in capo a un organo di garanzia parlamentare, geneticamente politico com'è la Giunta, quale migliore soluzione per tutelare la funzione parlamentare e l'autonomia del potere legislativo, che è e deve restare un valore da preservare".

Tags:
stefànoconsultarischiopoliticizzare
Loading...
i blog di affari
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
Eriksen, la svolta del calcio: da spettacolo del business a lezione di umanità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.