A- A+
PugliaItalia
'Bari Brasil Film Fest' 2 - 7 feb 2016 Brasile d'Autore per l'Associazione Abaporu

A Bari si comincia ad entrare in sintonia col tradizionale appuntamento di Aprile del Bif&st, che quest'anno sarà dedicato a due "grandi" dello schermo come Ettore Scola e Marcello Mastroianni, con il Bari Brasil Film Fest, che arriva in Puglia dopo una lunga e felice esperienza fatta dagli organizzatori in Cina, tra Pechino e Shangai.

abaporu loc
 

Si parte il 2 febbraio, con una conferenza presso il palazzo Ex Poste di Bari e con la prima proiezione alla multisala Showville, il primo Bari Brasil Film Fest, curato dall’associazione culturale Abaporu, presieduta dalla brasiliana - pugliese d’adozione - Vanessa Mastrocessario Silva.

Raccontare un altro Brasile, un Brasile “d’autore”, lontano da quello stereotipato e più conosciuto, utilizzando il linguaggio di quel cinema che faticosamente riesce ad essere distribuito in Italia, ma che ben sa rappresentare il paese. È questo l’obiettivo del Bari Brasil Film Fest.

L'iniziativa è resa possibile grazie a una campagna di crowfunding, partita alcune settimane fa e grazie al contributo di alcuni sponsor privati: in particolare l'Università LUM Jean Monnet, Sinoglobal Investments e Banca Popolare di Bari, mentre in precedenza aveva goduto del sostegno dell’Istituto Cervantes e poi dello stesso governo cinese, diventando un vero e proprio punto di riferimento nella programmazione culturale delle città di Pechino e Shangai.

Il festival inizia quindi con una tavola rotonda, che vedrà protagonista  il regista Jefferson Mello, autore di “Samba e jazz” e i docenti universitari Ugo Serani (Lingua e Letteratura Portoghese e Brasiliana presso l’Università di Bari) e Gian Luigi De Rosa (Lingua e Traduzione portoghese e brasiliana presso l’Università del Salento). Serani interverrà sul tema ‘Brasile tra mito, stereotipi e realtà’, mentre De Rosa si soffermerà nello specifico sul cinema brasiliano, dalle radici al XXI sec.

Abaporu que horas
 

Alle 21.00 al via le proiezioni a cominciare da “Que horas ela volta” di Anna Muylaert – selezionato quest’anno per rappresentare il Brasile agli Oscar – che offre un ritratto attuale della società brasiliana contemporanea, con uno sguardo particolare rivolto alla borghesia di San Paolo. A presentare questa prima serata ci sarà l’attrice pugliese Daniela Guastamacchia.

Mercoledì 3 sarà la volta di un suggestivo viaggio nel Sertão brasiliano, nella regione Nordest del Brasile, con il poetico film “A història da eternidade” presentato da l giornalista e critico cinematografico Giancarlo Visitilli, seguito il 4 dal documentario musicale “Samba e jazz” che sarà introdotto dallo stesso regista Jefferson Mello, presente in sala insieme con il critico musicale e giornalista Ugo Sbisà.

Si proseguirà nell’universo musicale brasiliano con “Trinta” di Paulo Machline, in programma venerdì 5 febbraio, quando la pellicola condurrà il pubblico dietro le quinte del mondo delle scuole di samba, con il racconto biografico di Joãosinho Trinta, un famoso direttore artistico delle più imporanti scuole di samba carioca.

Occasione preziosa il festival propone sabato 6 febbraio “5 x Favela - Agora por nós mesmos”, film realizzato dai residenti nelle favelas come risultato di un laboratorio di cinema tenuto da registi affermati e che ci fa vedere una realtà molto diversa dall’universo violento per cui queste comunità sono state rese celebri a livello mondiale da opere come “City of God” e  “Tropa de Elite”.

Abaporu Brasil Film Fest
 

Sempre sabato 6 febbraio, dopo “5 x Favela - Agora por nós mesmos” e dopo l’aperitivo brasiliano, la proiezione esclusiva di “Boi Neon” di Gabriel Mascaro, Premio Speciale della Giuria Orizzonti alla Mostra di Venezia e che ci fa conoscere l’universo delle ‘vaquejadas’, rodei-spettacolo in cui due uomini a cavallo cercano di abbattere un bue, strattonandolo per la coda. Il film sarà presentato nuovamente da Visitilli.

abaporu tarsila do amaral
 

Il festival si concluderà domenica 7 febbraio con una festa presso il locale Bilabì in via Omodeo, dove sarà premiato il film più apprezzato dal pubblico e dove si esibirà il gruppo di musica brasiliana Os Argonautas.

Inoltre venerdì 5 alle 16.00, nella sede di Confindustria Bari – Bat (via Amendola 172), ci sarà la conferenza “L’economia brasiliana tra mito e crisi” con Andrea Goldstein, managing director di Nomisma, società di studi economici di Bologna, esperto di economie emergenti e autore di pubblicazioni ed articoli concernenti l’economia brasiliana.

Infine negli spazi del multisala Showville sarà proposta la mostra fotografica “I colori di San Paolo” di Alberto Moschini.

Il biglietto di ingresso ai film è di 5 euro; gli altri appuntamenti sono a ingresso libero. Info www.abaporu.org

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
brasilebarifilmfestautoreabaporu
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.