A- A+
PugliaItalia
Affari ricorda la Grande Guerra nella città natale di A. Salandra

Due modi di intendere l'intervento nella Grande Guerra, da molti considerato il completamento del percorso Risorgimentale per la formazione di un diffuso spirito nazionale.

Salandra casa
 

Antono Salandra - il presidente del Consiglio e il suo Discorso del Campidoglio - e Tommaso Fiore - l'illustre giovane recluta e i suoi taccuini dal fronte - due figure eminenti della Puglia e della sua Storia.

Le prefazioni analitiche di Antonio V. Gelormini e Mario Spagnoletti nell'e-book della Luigi Bramato Edizioni "La Recluta e il Primo Ministro - Tommaso Fiore e Antonio Salandra nella Grande Guerra", che sarà presentato a Troia (Fg) - città natale di Antonio Salandra - con il Sindaco, Leonardo Cavalieri, e il presidente del Circolo "A. Salandra", Mario Tredanari, venerdì 9 ottobre alle ore 19,00.

Salandra abstract
 

Il recupero della figura di un protagonista del periodo storico in esame, che resta - insieme a Aldo Moro - uno dei due unici Presidenti del Consiglio pugliesi avuti fino ad oggi dal Paese.

La presentazione già effettuata a Bari - nella Biblioteca Nazionale - sarà riproposta ad Altamura (la città di Tommaso Fiore) e a Lucera (città che ha accolto A. Salandra dopo il suo matrimonio con una discendente della famiglia Gifuni).

"Uccidi" fu l'imperativo utilizzato per la raccolta di riflessioni dal fronte di Tommaso Fiore, che concepiva l'intervento come "azione" da praticare e non solo come intenzione da declamare. "Una guerra santa" fu invece definita da Antonio Salandra - dopo gli appelli alla benedizione divina di tutte le potenze europee - quella che il Paese si apprestava ad intraprendere, per portare a compimento il percorso Risorgimentale che, in quanto tale, non poteva essere affrontato dalla stessa parte del "nemico storico": l'Impero Austriaco".

salandra1
 

L'e-book riprende il celebre "Discorso del Campidoglio" di Antonio Salandra. In Campidoglio e non in

salandra sonnino
 

Parlamento, ricordava Giovanni Spadolini, storico e studioso del Risorgimento nonché estimatore degli scritti di Politica economica di Antonio Salandra, perchè: “Le decisioni sul se, quando e a fianco di chi entrare in guerra sfuggirono, in buona parte, ai consolidati e tradizionali canali politici e diplomatici”. In definitiva, “La guerra fu strumentalmente usata, per attuare un’alternativa concreta al sistema impersonato da Giovanni Giolitti”.

Salandra busto
 

Così come mette in evidenza il consolidamento dell'asse Antonio Salandra - Sidney Sonnino, legati non soltanto dalla radice romanica delle Cattedrali, alla cui ombra erano cresciuti a Troia e a Pisa, ma stretti dai reciproci sentimenti di stima - maturati in trent’anni di rapporti politici e professionali - erano istituzionalmente irretiti dalle pressioni nella Triplice Alleanza, dell’Austria in particolare, per tenere l’Italia fuori dai tavoli europei.

Venerdì 9 ottobre 2015 ore 19,00 al Teatro Comunale "Pidocchietto" di Troia (Fg).Ingresso libero.

(ag)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
affaritalianiitsalandratroiagrande guerrafioregelorminispagnolettie-book
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.