A- A+
PugliaItalia
"Il suono del silenzio" di Antonio Caradonio

Antonio Caradonio, pediatra barese, nella sua ultima fatica letteraria ‘Il Suono del Silenzio’ intreccia il tragico problema della tratta dei migranti e delle tante vite inghiottite dal Mar Mediterraneo con una pagina drammatica della nostra storia sconosciuta ai più: l’affondamento della nave Laconia. Uno degli episodi più tragici e ancor oggi oscuri della seconda guerra mondiale, nella quale perirono oltre millecinquecento soldati italiani.

il suono del silenzio
 

 

Antonio e Samuel sono i protagonisti. Un nonno e suo nipote. Il primo, nato nel 1921 a Bari, un canottiere del circolo Barion, viene strappato a soli ventunanni ai suoi affetti e alla sua vita d’atleta per essere catapultato nelle battaglia di Tobruk ed El Alamein e poi, da prigioniero, vivere l’affondamento del mercantile inglese Laconia, al quale sopravvive miracolosamente giungendo sulle coste liberiane a bordo di una scialuppa. Il secondo, nato sessantacinque anni dopo in Liberia, nel tentativo di tornare in Italia per capire le ragioni dell’immane disastro in cui era rimasto coinvolto il nonno, vive ildramma della traversata del Mediterraneo a bordo di un barcone.

 

Ma i veri protagonisti del romanzo sono i sentimenti. L’amore di un figlio costretto a staccarsi dalla madre e dalla famiglia, l’amicizia tra due soldati di fronte allamorte, il sacrificio della propria vita in cambio di verità e giustizia, il bisogno di memoria di una nuova generazione.

 

antonio caradonio
 

La scoperta che si fa leggendo ‘Il suono del silenzio’ è data dalla natura storica dei fatti narrati che noialtri non studiamo a scuolaQuesto libro dovrebbe essere inserito tra i testi di storia proprio per la funzione didattica che possiede.

 

Quanti sanno che nel 1942 l’utilizzo degli U-boot (Unterseeboot, sommergibili) tedeschi si errivelato una tattica vincente contro gli inglesi gli americani che - da arma potentissima stava subendo una battuta d’arresto? Questi sommergibili capaci di affondare centinaia di navi insieme ai loro carichi di soldati, armi, mezzi e carburante, e di spostare l’asse della vittoria finale a vantaggio dei nazisti, trovavano sempre più ostacoli.

 

L’ammiraglio Donitz aveva suggerito ad Hitler che gli inglesi avevano imparato a decrittare il codice con il quale comunicavano le forze armate tedesche che veniva cambiato ogni notte a mezzanotte. Ma non fu creduto. Ecco delinearsi - da quel momento in poi - il destino amaro della Laconia. Tra il 10 ed il 12 settembre 1942 il Comando supremo della Marina reale britannica sapeva che quel mercantile era inseguito dagli U-boot ma fu deciso che andava sacrificato per mantenere un segreto. 

 

I fatti raccontati con semplicità e dovizia di particolari opportunamente documentati sono frutto di una passione tardiva dell’autore che ha esordito con ‘Petali di rose’, romanzo storico che ha ridato luce alla nobile figura dell’unica donna che ha partecipato alla Spedizione dei Mille, eroina garibaldina ingiustamente trascurata dai libri di storia e che gli è valso l’assegnazione dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

 

(segreteria@mariellacolonna.com)

Tags:
caradoniosilenziosuonodidattica
i blog di affari
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
"Ecco il nostro compito: un partito repubblicano"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.