A- A+
PugliaItalia
I lampioni del lungomare e la Bari parigina di Michele Cassano
Advertisement

L’intervista ai lampioni del Lungomare di Bari è un piacevole passatempo, al quale mi dedico da alcuni mesi. Soffermarsi ad ammirarli e spendere ogni tanto una manciata di minuti, con qualcuno di essi, è un'esperienza intrigante, soprattutto quando sono loro a chiamarmi: ritenendomi, ormai, un vero e proprio confidente. 

lampioni bari4

"Uè, me sì vviste? Nanza nanze sule iì sope o calannarie de Mechèle Cassane: u Sande Pìite (sènz'auriòle) de la Chièsia Madre. Mechèle, u candore de BBarevècchie, nu barèse docche, de chidde ca non ne iàcchie cchiù, nemmanghe ndra le vicue cìiche du borghe andiche". (“Ehi, mi hai visto? In primo piano, solo io, sul calendario del grande Michele Cassano: il San Pietro (senza aureola) della Cattedrale, il cantore di Bari Vecchia, un barese doc, di quelli che non ne trovi quasi più. Manco tra i vicoli ciechi del borgo antico”).

Calendario2 bis

Stong' sop' o mes' d' Giugn', con una luna rossa sullo sfondo che si specchia nel mare. La foto me l’ha scattata lui stesso, ma poi l’ha fatta diventare come un quadro: con una pennellata che è un po’ Monet, un po' Van Gogh e un po’ pure Cézanne. Non ridere, vallo a vedere. Il nostro Michele ha fatto veramente una bella cosa. Come vede lui Bari Vecchia, non la vede nessuno. Si vede che c’ha il cuore per la città. Passione e sentimento: barese 100%”.

A richiamare la mia attenzione è uno dei lampioni che si possono scorgere sul lungomare di Bari da Via Venezia, mentre si ammira il panorama della città dallo stesso punto in cui, nel 1002, fu avvistata la flotta veneziana che veniva a liberare il capoluogo levantino dall’assedio arabo, dando inizio alla tradizionale festa della ‘Vidua vidue’.

cassano michele

Michele Cassano è il factotum della Basilica Cattedrale, autentica eminenza grigia tra tanti riverberi e mille riflessi: memoria, archivio, custode e divulgatore di un patrimonio eterogeneo fatto di devozione, folklore, tradizione e multietnicità, che nelle stradine di Bari Vecchia ti accompagnano ‘a distanza’: attraverso la rete di edicole votive, il dedalo di cunicoli moreschi e le trame invitanti dei profumi più autoctoni.

Col suo calendario ha reso parigina la Bari più meridiana, capovolgendo l’antico adagio popolare che “Se Parigi avesse la mer… sarebbe na’ piccola Bè^r”. Ha fatto di Bari Vecchia la Montmartre di San Nicola e dei baresi. Ha dato un’anima agli scorci digitali e, di ritocco in ritocco, la Basilica è come se assomigliasse al Sacre Coeur e la piazza del Catapano assumesse idealmente i lineamenti di Place du Tertre.

Cal5

Un esercizio certamente artistico, in una sorta di inconsapevole ricerca ‘picassiana’: quella senza tempo per provare a imparare a dipingere come un bambino. Un gesto d’amore lungo un anno, i cui effetti sono destinati a proiettarsi in un arco temporale ben più ampio di quelli che costellano il labirinto civico di Bari Vecchia.

Gli scorci più tipici di Bari, attraverso la lente artistica e certosina di uno “sposo” della città e non di un “amante”, diventano tele impressioniste, rivisitazioni alla Andy Warhol, puntinismi alla Paul Signac o Georges Seurat, incursioni fauviste, espressioni naif, slanci cromatici alla Henri Matisse o finestre luminose e paesaggistiche alla Vincent Van Gogh.

Cal1

E a questo proposito il lampione immortalato mi rivela un’altra chiave di lettura di questo pregevole canto di passione: “Vi^n qua, e ascolta attentamente. Pure tu hai ripetuto il ritornello di Parigi e della mer (e non lù mer, perché in francese mare/mer è femminile). Ma nessuno si è accorto che, da qualche anno, Parigi la maire ce l’ha!”.

hidalgo sindaco di parigi

“Infatti, se sindaco in francese si dice 'le maire', la sindaca è 'la maire' e dal 2014 Anne Hidalgo è la sindaca di Parigi. Per cui, adesso Parigi la maire ce l’ha; e siccome pure i colori civici delle due città sono gli stessi, se ti vai a rivedere le foto della festa dopo l’elezione: Anne Hidalgo è uscita al blcone dell’Hotel de Ville, per salutare elettori e cittadini parigini, con una bella e vistosa sciarpa biancorossa al collo”.

Cal7

Morale della favola: se Parigi ora la maire ce l’ha, sul lungomare di Bari sono les réverbères ad illuminarsi dopo il tramonto e ad accendersi con i raggi del sole all’aurora. Un incanto che si ripete ogni giorno, col ritmo cadenzato dal calendario di Michele Cassano, le cui tessere continueranno a tener vivo lo sguardo affettuoso sulla città fulcro e faro di una regione protesa nel Mediterraneo, decisamente votata ad essere - nei secoli dei secoli - frontiera di pace e agorà di dialogo interculturale.                                          

(gelormini@gmail.com)

Grazie a Felice Giovine per la trascrizione in barese dell'incipit.

-------------------------- 

Pubblicato in precedenza: I lampioni del lungomare di Bari 'La luce dell’Est' e il Pericle contemporaneo

                                             I lampioni del lungomare di Bari e il monologo di Amleto a Crollalanza

Loading...
Commenti
    Tags:
    michele cassanobari lampioni lungomare calendario pittori parigi parigina impressionisti vecchia vicoli pugliaanne hidalgosindaca
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Trapianti d'organo: una lezione di vita, di quelle che ti cambiano dentro
    di Angelo Maria Perrino
    Trapianti d'organo, "chi dona vive 2 volte". I rapporti umani oltre l'ospedale
    di Giusi Urgesi
    La politica? Ridotta a mera governance: serve solo a rassicurare i mercati
    di Diego Fusaro
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.