A- A+
PugliaItalia
Mika conquista il Teatro Petruzzelli Leggerezza, fantasia e giovane entusiasmo

Fa bene al cuore, conforta e fa ben sperare vedere il Petruzzelli stracolmo di giovani. Certo, il fenomeno Mika a Bari non è cosa da tutti i giorni, e Lottomatica Italia ha chiuso alla grande il suo ciclo di eventi, in programma nel capoluogo pugliese, per il tour nelle città-ruote del Gioco del Lotto.

Mika2
 

Ma c'è da dire che da tempo, grazie alla pervicace bacchetta organizzativa del Maestro-Sovrintendente, Massimo Biscardi, ed alle sue aperture dedicate agli studenti delle "prove generali" e delle repliche mattutine - in occasione dell'Opera lirica in cartellone, è un piacere vedere i pullman in sosta, lungo i marciapiedi del Teatro, e le file agli ingressi, accompagnate dai docenti.

Cinque appuntamenti - tutti introdotti da un brillante Antonio Stornaiolo - e tre giornate di visite guidate al Petruzzelli - tutti gratuiti - voluti da Il Gioco del Lotto, per il tour Il gioco più tuo, che hanno visto sempre il tutto esaurito in Teatro e lunghe liste d'attesa rimaste purtroppo tali, per un'impressionante adesione. Solo per Mika, da Lottomatica fanno sapere che sono stati oltre 9.000 a rimanere senza biglietto, dato che le prenotazioni si sono esaurite nei primi minuti dal "via" dato sui social network.

Mika1
 

Un'iniziativa "plurale" che ha incrociato nella programmazione della Fondazione Petruzzelli, la fine della Mostra "La poesia della tavola - Da Giuseppe De Nittis a Felice Casorati", la prima e le sei repliche dell'opera lirica "Nabucco" di Giuseppe Verdi, i preparativi per il Musical più replicato al mondo "CATS". Confermando ed evidenziando, con successo di pubblico e d'impegno tecnico-organizzativo, la vocazione caleidoscopica del Politeama barese: il teatro di tutti e per tutti.

Dall'approccio "sorprendente" secondo Roberto Giacobbo di Voyager, alla guida all'opera "Nabucco" proposta da Corrado Augias; dalla lectio magistralis di Philippe Daverio sul Melodramma italiano e il relativo patrimonio musicale, alla narrazione "senza cibo, ma per tutti i sensi" di Chef Rubio; fino all'apoteosi con la star della canzone, MIKA, sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli è andata in scena "la bellezza" nelle sue molteplici declinazioni.

C'è chi si aspettava che si parlasse e si entrasse più a fondo nella storia del Teatro Petruzzelli e del suo legame con la città, o chi ha pensato che l'occasione d'incontro tra due grandi tradizioni popolari: il teatro e il gioco del lotto, potesse offrire spunti e stimoli per raccontare vicende, personaggi e aneddoti che hanno arricchito quel palcoscenico e tramandato pagine indelebili nella storia della città levantina.

Anche perchè lo stesso gioco del lotto, le corrispondenze con la "smorfia" napoletana e la tradizione ludica in generale sono entrati a più riprese nelle sceneggiature e nei copioni teatrali, musicali e cinematografici d'ogni epoca e d'ogni realtà territoriale non solo italiana. Quasi superflua, ma doverosa, la citazione di siparietti pirandelliani, di arie mozartiane o rossiniane, di quadretti alla Camilleri e del capolavoro Eduardiano "Non ti pago".

C'è stata persino la protesta congiunta della Fondazione Antiusura San Nicola e S.S. Medici di Bari - Cartello “Insieme contro l’Azzardo” e della campagna Mettiamoci in Gioco Puglia che, prendendo spunto dalle iniziative al Petruzzelli - organizzate da Il Gioco del Lotto - ha sollecitato il sindaco di Bari, Antonio Decaro, e il Comune "A prendere le distanze dagli appuntamenti e prodigarsi per una campagna di informazione e sensibilizzazione sui danni devastanti che l’azzardo procura alle persone e alla società. In coerenza con l’Ordine del Giorno approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale nel maggio del 2012 nonché con l’impegno assunto con la campagna Mettiamoci in gioco".

A mettere tutti d'accordo con la sua leggerezza, fantasia e accattivante simpatia, ci ha pensato MIKA: riuscendo a suo modo a valorizzare persino la citata vocazione intima e popolare del Petruzzelli: voluto con poltrone, palchi, balconate e spalti.

mika9
 

Ragazzi, ragazze, giovani ed anche tanti adulti travolti ed entusiasmati dalla musica del cantautore libanese naturalizzato britannico.Un’ora e mezza di concerto live con la sua band.  Il ritmo ha cominciato ad espandersi tra i palchi, le balconate e le poltrone, già dalle prime note delle sue canzoni, da tutti conosciute e cantate all'unisono: Grace Kelly e Relax, take it easy, sono state un coro unico di oltre 1.200 voci.

Specchi e ori riflettevano sorrisi, entusiasmo e gioia di esserci e di vivere. Con eleganza e spontaneità i braccilaetti fluorescenti hanno animato la penombra del Teatro, regalandogli una vivacità di solito riservata al solo palcoscenico.

Fino a quando Mika ha trasferito lo stesso palcoscenico sulla balconata del Terzo ordine, mettendosi a cantare Staring at the sun.insieme a tutti, fra gli abbracci degli increduli e sorpresi fan, e i saluti eccitati di quelli degli ordini al di sopra e sottostanti. Serata indimenticabile!

Nota curiosa: dei cinque numeri dati da Roberto Giacobbo alla fine del suo incontro nel Foyer del Petruzzelli, ben tre il giorno dopo sono stati esratti sulla ruota di Bari: 5 - palcoscenico, 74 - i milioni di euro del Gioco del Lotto destinati ai beni culturali, 32 - il capitone, di cui era goloso Federico II (gli altri numeri erano il 18 - anni di chiusura del Teatro dopo l'incendio e il 62 - numero dei marinai che trafugarono le ossa di S. Nicola).

(gelormini@affaritaliani.it)

-------------------------

Pubblicato sul tema: Teatro Petruzzelli, la meccanica dei numeri Gli appuntamenti gratuiti di…

                               Fondaz. Antiusura San Nicola su Lottomatica "Il Comune si adoperi contro…

 

 

Tags:
mikalottomaticapetruzzellifantasiagiovani
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.