A- A+
PugliaItalia
IGP Pomodoro Napoli, l’Europa non avalli la perdita di identità territoriale

Coldiretti Puglia al fianco della Regione contro il ‘no’ secco alla richiesta di riconoscimento IGP del pomodoro pelato di Napoli. E’ quanto afferma Coldiretti Puglia che ribadisce la contrarietà senza se e senza ma al reiterato tentativo di ottenere il riconoscimento comunitario che non rappresenta la realtà produttiva del pomodoro, ma solo della trasformazione.

caporalato raccolta pomodori

“Bisogna uscire dalla grande ambiguità di commercializzare un prodotto che può fregiarsi di un marchio comunitario così fortemente distintivo, senza che ci sia alcun obbligo di utilizzare i prodotti agricoli del territorio al quale la indicazione si ispira. Il 40% del pomodoro italiano viene proprio dalla Capitanata, che da sola produce il 90% del pomodoro lungo. La provincia di Foggia - dichiara presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia - è leader nel comparto con 3.500 produttori di pomodoro che coltivano mediamente una superficie di 32 mila ettari, per una produzione di 22 milioni di quintali ed una P.L.V. (Produzione Lorda Vendibile) di quasi 175.000.000 euro”.

muraglia coldiretti

“Un bacino produttivo straordinario se confrontato al resto d’Italia con i suoi 55 milioni di quintali di produzione e i 95mila ettari di superficie investita, una realtà che va salvaguardata e promossa, perché rappresentata da imprese agricole e agroalimentari pugliesi che operano con grande professionalità e in assoluta trasparenza”, tuona il delegato confederale di Coldiretti Foggia, Pietro Piccioni.

E’ a tutti nota la posizione di Coldiretti Puglia sull’importanza dell’origine del prodotto agricolo alla base dei cibi trasformati che arrivano sulle tavole dei consumatori, per cui numerose sono state le battaglie per arrivare all’etichettatura certa dell’origine dei prodotti agroalimentari.

Cina Europa Ursula von der Leyen

D.O.P. e I.G.P. sono marchi europei che  identificano - spiega Coldiretti Puglia - prodotti che possiedono caratteristiche peculiari, legate da origini storiche al determinato territorio indicato nella denominazione, e dalla accurata e precisa applicazione di un disciplinare di produzione. Di scelta del Ministero delle Politiche Agricole l’area delimitata e la nomenclatura, basate su comprovata ricostruzione storica che i consorzi di valorizzazione devono documentare.

Per i prodotti DOP è previsto che tutto il processo produttivo avvenga nell’area delimitata dal disciplinare di produzione, trasformazione e confezionamento inclusi, mentre per le produzioni IGP, invece, non esistono gli stessi vincoli – conclude Coldiretti Puglia -  in particolare nessun obbligo di utilizzare i prodotti agricoli del territorio al quale la IGP si ispira.

gatta

Sul tema interviene anche il consigliere regionale di Forza Italia, Giandiego Gatta. "Il sudore, l’amore per la terra e l’incessante ‘collaborazione con la natura’ di uomini e donne della Puglia: è così che la nostra terra, in particolare la provincia di Foggia, è arrivata a produrre circa il 90% dei pomodori italiani e sentire oggi che un’altra Regione ambisce ad ascriversi meriti non suoi è qualcosa di assurdo ed incomprensibile".

"Per questo, chiediamo che la Giunta regionale esperisca ogni strada utile per ostacolare la richiesta del marchio IGP del pomodoro ‘di Napoli’, che in realtà è della Daunia! Ci sarebbe da ridere, se non fosse un tentativo di sfregio nei confronti della fatica di produttori e lavoratori che già operano in un contesto ricco di difficoltà. Su questo, tutta la Puglia, senza distinzione di colore politico, deve far sentire la sua voce e difendere la paternità di un prodotto che non è solo strumento di guadagno ma identitario per il nostro territorio”.

(gelormini@gmail.com)

Commenti
    Tags:
    europa ue pomodoro napoli igp identità territoriale avallo puglia capitanata prodotto daunia
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Sanificazione. I webinar di Prius Management e Federalberghi Emilia Romagna
    Covid, bocciato il governo: "Si potevano salvare oltre 6mila anziani"
    “Renzi, l’odio e i paparazzi”. Le confessioni di Maria Elena Boschi
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.